Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Razzo cinese, la Protezione civile: "Cadrà tra l'una e le 7.30". Meno rischi per le regioni italiane

  • a
  • a
  • a

Dopo le nuove verifiche che sono state effettuate, per fortuna vengono considerate più scarse le probabilità che i resti del razzo cinese in caduta verso la Terra, finiscano per colpire una parte del territorio italiano. Stando alle comunicazioni della Protezione civile, la finestra di incertezza del rientro senza controllo in atmosfera di "Lunga marcia 5B" (questo il curioso nome), prevista per la notte di oggi, tra sabato 8 maggio e domenica 9, per l'esattezza dall'una alle 7.30 del mattino seguente. Ma come scritto, per fortuna sembrano diminuire in maniera notevole le possibilità che i frammenti finiscano per precipitare sul territorio italiano.

Il tavolo tecnico che è stato formato dagli esperti del nostro Paese, continuerà comunque a seguire la situazione con grande attenzione, attraverso i dati che saranno disponibili fino a quando sarà avvenuto l'impatto con il suolo, indipendentemente da dove ciò avverrà. Alla riunione del tavolo tecnico stesso hanno preso parte anche i rappresentanti delle Regioni che in linea teorica sono potenzialmente interessate dalle analisi e da eventuali aggiornamenti con le strutture operative del Servizio nazionale della protezione civile

Le regioni considerate possibilmente coivolte (anche se come scritto le possibilità sono notevolmente diminuite), restano l'Umbria, il Lazio, l'Abruzzo, il Molise, la Campania, la Basilicata, la Puglia, la Calabria, la Sicilia e la Sardegna. All'inizio della giornata di oggi, sabato 8 maggio, il razzo era stato avvistato direttamente dagli Stati Uniti, nel cielo sopra il Campidoglio, sulla città di Washington Dc. In ogni caso il consiglio degli esperti resta quello di cercare di rimanere il meno possibile all'aperto. La finestra temporale si è ridotta ma è comunque ancora molto ampia e l'orario centrale resta quello delle 2.24. Ovviamente la speranza è che i resti finiscano in mare o comunque in aree che non sono abitate, indipendentemente da quale sarà il Paese interessato.