Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Stefano Cucchi, condannati in appello a 13 anni due carabinieri per omicidio preterintenzionale

  • a
  • a
  • a

Caso Stefano Cucchi, condannati in appello a 13 anni per omicidio preterintenzionale i due carabinieri Alessio Di Bernardo e Raffaele D’Alessandro accusati del pestaggio. È quanto hanno deciso i giudici della Corte d’Assise d’Appello di Roma nel processo per la morte del 31enne arrestato il 15 ottobre del 2009 e deceduto sette giorni dopo all’ospedale Sandro Pertini di Roma.

 

Il verdetto è arrivato dopo cinque ore di camera di consiglio. Condannato anche il carabiniere Roberto Mandolini a quattro anni per falso e confermata la condanna per lo stesso reato a due anni e mezzo per Francesco Tedesco, il militare che con le sue dichiarazioni ha fatto luce sul pestaggio avvenuto nella caserma Casilina la notte dell’arresto. Per quest’ultimo il pg Roberto Cavallone aveva chiesto l’assoluzione. In primo grado, il 14 novembre 2019 la prima Corte d’Assise di Roma aveva condannato a dodici anni di carcere i due carabinieri accusati del pestaggio, Di Bernardo e D’Alessandro riconoscendo che fu omicidio preterintenzionale, come sostenuto dal pm Giovanni Musarò. Era stato assolto invece "per non aver commesso il fatto" per questa accusa Francesco Tedesco.

 

Per lui era rimasta la condanna a due anni e mezzo per falso. Per la stessa accusa era stato condannato a tre anni e otto mesi il maresciallo Roberto Mandolini, all’epoca dei fatti comandante della stazione Appia. "Il mio pensiero va ai miei genitori e a Stefano. Mio padre e mia madre non possono esser con noi per il caro prezzo che hanno pagato in questi anni", ha commentato Ilaria Cucchi poco dopo la sentenza.