Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Denise Pipitone, chi è Anna Corona ex moglie di Pietro Pulizzi e madre di Jessica

  • a
  • a
  • a

Anna Corona. Un nome che oggi più che mai rimbalza sui tg e sui programmi di approfondimento. Ciò avviene subito dopo che i magistrati di Marsala hanno riaperto il caso Denise Pipitone e stanno indagando su presunti errori e depistaggi che avrebbero inquinato l'indagine sulla scomparsa della piccola da Mazara del Vallo, in provincia di Trapani, l'1 settembre nel 2004. Oggi, mercoledì 5 maggio, i carabinieri della Scientifica di Trapani hanno effettuato un'ispezione nell'abitazione di via Pirandello, a Mazara del Vallo, che fu in uso ad Anna Corona. Ma chi è Anna Corona e cosa c'entra in questo caso che si è ripaperto dopo 17 anni. 

 

 

Parliamo dell'ex moglie di Pietro Pulizzi, papà biologico della piccola Denise Pipitone. La donna è la mamma di Jessica Pulizzi, sorellastra della piccola scomparsa l'1 settembre 2004, finita sotto processo e assolta nei tre gradi di giudizio 

Pietro Pulizzi ha avuto Denise Pipitone da una relazione extraconiugale con Piera Maggio (a sua volta sposata con Toni Pipitone).

 

 

 

I carabinieri della Sezione investigazioni scientifiche del comando provinciale di Trapani stanno adesso cercando una nuova traccia nella casa dove Anna Corona non vive più da tempo, erano già stati tante volte nel 2004. All'epoca, il sospetto era che la donna (ex moglie di Pietro Pulizzi, il padre naturale di Denise) avesse aiutato la figlia nel suo piano di vendetta. Ipotesi caduta, come detto, con l'assoluzione di Jessica. Ma in quella casa di via Pirandello, a Mazara, gli inquirenti sono adesso tornati. Qualcuno ha fornito nuove indicazioni agli investigatorii o magari una nuova pista sulla scomparsa di Denise? La pista principale seguita dagli inquirenti rimane, a quanto si apprende, quella familiare.

Il procuratore Vincenzo Pantaleo e i sostituti Roberto Piscitello e Giuliana Rana stanno riesaminando la vecchia indagine, nei giorni scorsi hanno anche ascoltato l'ex pm Maria Angioni, ora giudice a Sassari. Obiettivo, quello di cogliere eventuali depistaggi avvenuti nei primi giorni dell'inchiesta.