Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Trento, corpo ritrovato nell'Adige. "In acqua da molto tempo", può trattarsi di Peter Neumair

  • a
  • a
  • a

La notizia arriva nella tarda mattinata grazie all'avvistamento di un ragazzo. Un cadavere è stato rinvenuto nel fiume Adige a Trento, non lontano dal centro cittadino. Secondo i vigili del fuoco, intervenuti sul posto per il recupero della salma, il corpo è in avanzato stato di decomposizione,

 

 

 

probabilmente è stato in acqua per molto tempo. Sul posto anche il 118 e la polizia, che sta facendo i rilievi. Proprio nell’Adige, ma a Bolzano, era scomparso dal 4 gennaio scorso Peter Neumair, del cui omicidio è accusato il figlio Benno, che ha confessato di aver ucciso e gettato nel fiume entrambi i genitori. Il corpo della madre, Laura Perselli, è stato ritrovato nell’Adige i primi giorni di febbraio.

 

 

Sul posto si trova anche la scientifica. Manca comunque la conferma che si tratti di Peter Neumair. Il cadavere, secondo quanto riferisce altoadige.it . è stato avvistato nelle acque dell'Adige da un ragazzo, che stava passeggiando con il suo cane lungo il fiume nei pressi del museo di scienze Muse. Ha così lanciato l'allarme è sul posto sono giunti i vigili del fuoco e la squadra mobile. Benno Neumair, il figlio di Laura Perselli e Peter Neumair è in carcere reo confesso dell'uccisione dei genitori. Il ragazzo, 30 anni, dopo un periodo di isolamento in carcere, è in cella con altri due killer a Bolzano. Benno era stato dapprima indagato a piede libero per l'uccisione dei genitori e l'occultamento dei cadaveri. Quindi è stato arrestato. La coppia è stata uccisa nella casa di Bolzano (in tempi diversi), il 4 gennaio scorso di sera e poi Benno ha gettato i corpi di Peter e Laura da un ponte sull'Adige. Al termine di lunghe, complesse e meticolose imdagini, è scattato quindi l'arresto del giovane che ha poi confessato il duplice omicidio.