Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Zaia: "La variante indiana individuata in Veneto"

  • a
  • a
  • a

La variante indiana del Covid, considerata pericolosa e decisamente infettiva, è stata individuata in Veneto. E' stato il presidente della Regione, Luca Zaia, a renderlo noto. Il governatore ha spiegato che si tratta di due cittadini di Bassano, padre e figlia, che sono risultati positivi. "Ormai - ha aggiunto il governatore - le varianti sono migliaia e prima o poi arrivano tutte. Affrontiamo giorno dopo giorno questi aspetti e andiamo avanti". La variante, tecnicamente chiamata B.1.617, è emersa per la prima volta in Maharashtra, stato centro-occidentale dell'India. Non è chiaro come abbia avuto origine. Ancora si sa poco delle caratteristiche di questa variante. In India la sua presenza è stimata tra il 10 e ilo 15%. Il Paese sta attraversando una fase altamente drammatica, ma non certo soltanto per la variante. I contagi ufficiali sono oltre 300mila al giorno ed è particolarmente alto anche il numero dei decessi. 

L'Italia per cercare di difendersi da una possibile diffusione della nuova variante ha chiuso i collegamenti con l'India stessa. Il virus B.1.617 è caratterizzato da due mutazioni sulla glicoproteina spike. Ovviamente si stanno effettuando studi per capire a che livello può davvero essere considerata più infettiva. Come già accaduto per le altri varianti del Covid, occorreranno ancora diverse settimane per avere un'idea più completa. E' ritenuta necessaria la massima prudenza, a maggior ragione per il fatto che l'Italia è in una fase della campagna vaccinale ritenuta particolarmente importante e al tempo stesso delicata.

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha sottolineato che gli scienziati italiani "sono al lavoro per studiare la variante indiana. Non possiamo abbassare la guardia". Prima dell'annuncio di Zaia in Italia era stato registrato un caso a Firenze, lo scorso mese di marzo. Il numero più alto di contagi in Europa è avvenuto nel Regno Unito, oltre cento. Anche in Israele sono stati individuati pazienti che hanno contratto quella variante Covid