Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Non è l'Arena, Giletti: "Assembramenti a Roma e Milano. Così si rischia". Lotti: "Ricordare i tre milioni di morti" | Video

  • a
  • a
  • a

Non è l'Arena mette in evidenza gli assembramenti che continuano e continueranno a favorire la diffusione del Covid. Assembramenti che tra la serata di sabato, 24 aprile, e oggi, domenica 25, ci sono stati in diverse città italiane. Da Milano a Roma, da Bologna a Firenze. Il programma di L7, condotto da Massimo Giletti, ha realizzato un servizio proprio sugli assembramenti e sul mancato rispetto delle indicazioni. "Assembramenti sui Navigli di Milano - ha detto Giletti - e in via del corso a Roma, dove sono andato personalmente a vedere". Giletti mostra una foto scattata ai Navigli di Milano e critica duramente: "Ce ne fosse uno con la mascherina giusta. Ormai è diventata un optional, come se fosse un foulard".

Poi mostra una foto di via del Corso a Roma, anche in questo caso notevole assembramento. Giletti si è poi collegato con Rebecca Pecori, inviata al centro di Roma. La giornalista: "Sono a Campo dei Fiori, il centro storico di Roma e della movida. Fino a poco fa la piazza era praticamente piena così come i locali. C'è chi beve e c'è chi balla e sono arrivate quattro pattuglie della polizia per disperdere dei ragazzi che avevano creato un notevole assembramento dove si ballava e si cantava senza distanziamento e senza mascherine. Sono le ultime ore di ore di area arancione, ma già si sente aria di zona gialla. E nonostante tra un'ora scatti il coprifuoco, le persone continuano ad arrivare". 

Duro il commento di Massimo Giletti: "E' vero che l'Italia non ce la fa più a stare chiusa, ma se non saremo intelligenti e non ci comporteremo in modo civile, rischiamo di essere costretti di nuovo a chiudere". Poi il conduttore ha chiesto il parere a Lisa Lotti, giornalista di Presadiretta: "Ci dobbiamo ricordare tutti i giorni che sono morte tre milioni di persone per il Covid". Clicca qui per il servizio di Non è l'Arena.