Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Inps, allarme dell'istituto: "In corso tentativi di truffa tramite phishing"

Esplora:

  • a
  • a
  • a

Inps, in corso tentativi di truffa tramite phishing. A dare l'allarme è lo stesso istituto di previdenza che, in una nota, "avvisa tutti i suoi utenti che è tuttora in corso un tentativo di truffa tramite e-mail di phishing che, sfruttando apparenti comunicazioni da parte dell’Istituto, invitano a scaricare e compilare un modulo allegato per accedere a benefici di salvaguardia per mitigare i disagi economici causati dalla pandemia".

 

L'istituto fornisce anche tutte le indicazioni sui comportamenti da tenere in caso un utente riceva una mail inviata dall'Inps. "Nel caso specifico, viene utilizzato un indirizzo fittizio di posta certificata, simile a quelli Inps, e la mail è firmata con nome e cognome di un funzionario dell’Istituto realmente esistente. Si invitano pertanto tutti gli utenti a diffidare di comunicazioni che propongano di scaricare eventuali allegati, in quanto finalizzate a sottrarre fraudolentemente dati anagrafici oppure relativi a carte di credito o conti bancari o postali", prosegue l’Inps ricordando che le informazioni sulle prestazioni Inps sono consultabili esclusivamente accedendo direttamente dal portale inps.it. "l’Inps, per motivi di sicurezza, non invia mai, in nessun caso, mail contenenti moduli da scaricare o link cliccabili", conclude la nota.

 

E' quindi necessario prestare la massima attenzione prima di aprire link contenuti in mail "sospette", seguendo fedelmente le indicazioni riportate dall'istituto di previdenza. Per ogni dubbio, inoltre, è possibile contattare telefonicamente la stessa Inps e parlare con il personale che risponde all'utenza, così da ricevere tutte le delucidazioni del caso ed evitare di correre rischi, cadendo nelle trappole di hacker che mirano a svuotare i conti correnti dei clienti che, in buona fede e magari senza aver letto tutto attentamente, cadono nel tranello di aprire i link contenuti in mail che giudicano effettivamente inviate dall'istituto di previdenza sociale".