Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Palermo: arrestato Marcello Grasso, fratello dell'ex presidente del Senato. E' accusato di violenza sessuale

  • a
  • a
  • a

"Violenza sessuale aggravata", questo è il reato che la procura di Palermo contesta al neuropsichiatra Marcello Grasso, 70 anni, fratello dell'ex presidente del Senato ed ex procuratore nazionale antimafia Pietro Grasso. Il medico è stato arrestato lo scorso 30 marzo - come rivela 'la Repubblica' - in esecuzione all'ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip di Palermo Clelia Maltese su richiesta del sostituto procuratore Giorgia Righi e dell'aggiunto che coordina il dipartimento fasce deboli Laura Vaccaro. Ad accusare lo psichiatra fra i più noti a Palermo che da 40 anni lavora al recupero di tossicodipendenti, è una paziente che avrebbe denunciato i presunti abusi lo scorso febbraio. "Il mio assistito utilizza il teatro per fare terapia con i suoi pazienti - sottolinea l'avvocato Vincenzo Lo Re, difensore del medico - non si è trincerato dietro la facoltà di non rispondere ma ha risposto a tutte le domande del giudice. E non ha screditato l'ex paziente ma ha fornito argomentazioni logiche per offrire una diversa ricostruzione dei fatti".

 

Secondo l'accusa, la donna ha detto di avere indossato un costume da burlesque nello studio del medico dove sarebbero avvenuti gli abusi. Secondo l'accusa non si tratterebbe di rapporti sessuali, ma di pesanti attenzioni del medico sulla paziente. Gli investigatori della squadra, dopo la denuncia, hanno piazzato una telecamera nello studio del professionista e stanno adesso convocando tutti i pazienti del medico alla ricerca di riscontri.

 

 

"Nessuno si posto il dubbio che possa essere normale la presenza di un vestito da burlesque nello studio di uno psichiatra che usa il teatro come strumento terapeutico - sottolinea il suo legale - il dottor Grasso ha lavorato per 40 anni in strutture pubbliche e poi privatamente e mai nessuna paziente ha denunciato comportamenti non consoni". Insomma per la difesa si tratterebbe solo di un equivoco legato ai metodi terapeutici utilizzati.