Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Denise Pipitone, il conduttore tv russa a Chi l'ha visto?: "Scuse alla famiglia, ecco perché è successo tutto questo"

  • a
  • a
  • a

Non volevamo ferire i sentimenti di nessuno, le decisioni che riguardano Olesya sono del suo legale”, arrivano in un video scuse ai genitori di Denise Pipitone da parte del conduttore della trasmissione russa che stasera, mercoledì 7 aprile, ha mandato in onda l'esito dei test del sangue della ragazza russa che non sono compatibili col gruppo sanguigno di Denise Pipitone. Le scuse sono arrivate in un video mandato in onda dalla trasmissione di Rai3, in prima serata, Chi l'ha visto? La trasmissione di Federica Sciarelli ha ospitato anche il legale della famiglia della bimba scomparsa nel 2004 da Mazara del Vallo e che oggi ha la stessa età di Olesya. Quest'ultima cercava la famiglia dopo che ha raccontato di essere stata rapita da bambina.

 

 

 

 

 


"L’urgenza vera era intanto un’immediatezza per poter buttare acqua sul fuoco o comunque chiarire questa situazione perchè si era creata veramente una questione complicata a livello nazionale e internazionale. Attendere le rogatorie sarebbe stato complicato a questo punto della situazione, abbiamo pensato di contattare direttamente l’avvocato di Olesya per arrivare ad un accordo", ha detto nel corso della trasmissione Giacomo Frazzitta, avvocato di Piera Maggio, madre di Denise Pipitone, ospite alla trasmissione "Chi l’ha visto" su Rai3. "Abbiamo fatto un giro all’inferno e siamo tornati: mettere in uno show bambini rapiti e genitori di bambini rapiti come se fosse una specie di reality o di gioco su uno dei crimini più terribili, quelli contro i bambini", ha continuato l’avvocato.

 

 

 "Noi - ha ribadito - abbiamo voluto sempre salvaguardare Piera Maggio, non si sarebbe mai sottoposta a nessun tipo di controllo di questo genere" alludendo al test del Dna effetuato in diretta su Olesya e le presunte madri. Una storia che è tornata alla ribalta, ancora senza esito e ancora provocando dolore nella famiglia che non smette di cercarla.