Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

La russa Olesya Rostova non è Denise Pipitone: il gruppo sanguigno è diverso

  • a
  • a
  • a

Il gruppo sanguigno della giovane ragazza russa Olesya Rostova è diverso da quello della piccola Denise Pipitone, scomparsa nel lontano 2004. E' stato annunciato durante la puntata di Lasciali parlare, il programma della televisione russa a cui ha partecipato anche Giacomo Frazzitta, legale della famiglia Pipitone. Lasciali parlare è il programma che aveva sollevato il caso, visto che la ragazza si era presentata sostenendo di essere alla ricerca della sua vera famiglia. E' stato proprio l'avvocato a dichiarare che c'è differenza tra il gruppo sanguigno di Olesya e quello di Denise, di cui non si ha traccia da settembre 2004, quando scomparve a Mazara del Vallo.

Frazzitta ha comunque spiegato che gli esami scientifici ricevuti dalla giovane russa "sono stati affidati alla procura della Repubblica di Marsala per eventuali accertamenti". Naturalmente resta la grande amarezza della famiglia Pipitone che, seppur lontanamente, sperava di aver ritrovato Denise e a cui non è piaciuto il metodo utilizzato dalla televisione russa, troppo clamore secondo la famiglia, ma soprattutto la scelta di allungare i tempi, quando sarebbe stato sufficiente effettuare subito gli esami per fugare ogni dubbio. La tv, invece, ha continuato ad andare avanti per diversi giorni, raccontando tutti i particolari della storia di Denise, cercando possibili somiglianze.

Per la famiglia è stata una sofferenza continua, sofferenza che va vanti ormai da oltre quindici anni. Negli ultimi giorni si erano mosse anche la procura di Marsala e l'Interpol per cercare di capire cosa stava accadendo in Russia. Un vero e proprio circolo mediatico, invece di arrivare il più velocemente possibile alla verità. L'avvocato della famiglia, Frazzitta, ha sempre avuto numerosi dubbi su tutta la storia. Non ci ha mai creduto. Durante la trasmissione improvvisamente è stata presentata la presunta sorella della protagonista. Anche lei russa e alla quale è stato chiesto cosa avrebbe provato se Olesya improvvisamente si sarebbe trasferita in Italia. Probabilmente un metodo soltanto per fare ascolto.