Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Benedetta Rossi, lutto in famiglia: "Il nostro cane ha capito e non lascia mai solo Marco"

  • a
  • a
  • a

Lutto nella famiglia di Benedetta Rossi, la chef marchigiana del "fatto in casa" più famosa d'Italia. Nei giorni scorsi, infatti, è morto il padre di Marco, il marito della stessa Benedetta. Lei sui suoi seguitissimi profili social ha voluto pubblicare una foto di Marco che abbraccia il cane di famiglia, Cloud. Benedetta commenta con grande sensibilità: "E' proprio vero che i nostri amici a quattro zampe riescono a capire quando abbiamo bisogno di loro. Nei giorni scorsi purtroppo è venuto a mancare il padre di Marco. Da allora Cloud sembra capire la sua sofferenza e non lo lascia un attimo da solo".

Poi spiega meglio il lutto che ha colpito la famiglia: "Purtroppo - scrive ancora Benedetta Rossi - mio suocero Lanfranco, se ne è andato per una brutta malattia che nelle ultime settimane si era molto aggravata. Per questo motivo siamo stati e staremo ancora per qualche giorno in silenzio, nel rispetto del dolore di tutta la famiglia". Il silenzio è ovviamente riferito alla mancata pubblicazione di ricette che normalmente avviene con grande frequenza su tutti i suoi profili social. Prima della foto del marito con il cane di famiglia, nei giorni scorsi Benedetta Rossi ne aveva pubblicata una per fare gli auguri di Pasqua ai suoi fan. Anche in quel caso oltre a lei e al suo compagno di vita nell'immagine c'era lo stesso Cloud.

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Benedetta Rossi (@fattoincasadabenedetta)

 

Marco Gentili è originario di Altidona, in provincia di Fermo. E' sposato insieme alla chef da oltre dieci anni e con lei condivide anche la vita professionale, visto che è il co-fondatore della società che gestisce "Fatto in casa da Benedetta". Anche lui come la moglie ama molto gli animali e la campagna e insieme al loro cane, Cloud, vivono in un agriturismo proprio in provincia di Fermo. Gentili è un esperto di montaggio e di social media marketing.