Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, ancora 421 morti e 7.767 nuovi casi. Aumentano i ricoveri. Il bollettino di oggi

  • a
  • a
  • a

Sono 7.767 i nuovi casi di Covid in Italia, ufficializzati dal bollettino di oggi, martedì 6 aprile. Il numero dei morti, invece, è di 421. Nella giornata di Pasquetta i contagiati erano stati 10.680, mentre i decessi 296. Il calo dei positivi rispetto al martedì della precedente settimana è dovuto alla diminuzione del numero dei tamponi. Di esami ne sono stati eseguiti 112.962 e il tasso di positività è del 6.2%. Il numero degli italiani che hanno ufficialmente contratto il virus dall'inizio della pandemia, sale dunque a 3 milioni 686.707.

Le vittime complessive, invece, diventano 111.747. Sono state annunciate 21.733 guarigioni che fanno salire il dato complessivo oltre 3 milioni, per l'esattezza 3.019.255. Diminuiscono gli attualmente positivi che scendono di 14.391 e portano il totale a 555.705, ma, come già scritto, occorre tener conto del basso numero di tamponi che è stato certificato. Altro particolare: è vero che il numero delle vittime è particolarmente alto, ma si fa notare che nel bollettino di oggi 6 aprile, sono stati conteggiati numerosi decessi che erano avvenuti nei giorni scorsi. Ad esempio i 70 decessi ufficializzati dalla regione Puglia, sono 15 delle ultime 24 ore e gli altri della settimana precedente quella della Pasqua.

Purtroppo continua ad aumentare il numero delle persone ricoverate in terapia intensiva: + 6 nel complesso rispetto alla giornata di Pasquetta, tenendo presenti ingressi in rianimazione e uscite (molte purtroppo per decesso). Attualmente i letti occupati sono 3.743 e secondo i dati del ministero della Salute, nelle ultime 24 ore sono stati 221 i nuovi ricoveri. Aumentano anche i pazienti dei reparti ordinari: 29.337 persone, 552 in più rispetto alla giornata precedente. Dato delle vaccinazioni: 11.344.180 le dosi che sono state somministrate (ore 16.16 del 6 aprile). Sono 3 milioni 509.838 i cittadini a cui è stata inoculata anche la seconda dose. Dopo la Lombardia e il Lazio, anche il Veneto ha superato il milione di dosi.