Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Roma, scontri in piazza Montecitorio tra ristoratori, commercianti e polizia

  • a
  • a
  • a

A Roma una manifestazione di commercianti e ristoratori che chiedono le riaperture delle loro attività, è finita con i tafferugli in piazza Montecitorio. Incidenti tra i manifestanti e le forze della polizia, presenti per cercare di garantire la sicurezza. Tra i cittadini che stavano protestando sono spuntate bandiere di Italexit, il movimento del senatore Gianluigi Paragone, ex esponente del Movimento 5 Stelle. Un uomo, inoltre, si è presentato vestito come gli appartenenti al Q-Anon, il movimento che fece irruzione al Congresso Usa di Washington.

Alcune decine di persone hanno tentato di forzare il cordone delle forze dell'ordine, venendo respinte duramente. L'uomo che indossava il copricapo di pelo con le corna e aveva il volto dipinto con il tricolore italiano, ovviamente ricordava quello che è finito nelle televisioni e suoi giornali per l'assalto al Parlamento statunitense proprio all'inizio dell'anno. Prima degli incidenti a prendere la parola al microfono in piazza Montecitorio era stato anche Vittorio Sgarbi, deputato di Forza Italia. Molti dei manifestanti presenti non indossavano la mascherina. (Foto agenzia LaPresse).

 

Alcuni manifestanti sono stati identificati dalle forze dell'ordine. Sono stati anche accesi alcuni fumogeni. Il grido più gettonato è stato "buffoni, buffoni" seguito da "libertà, libertà". Sono inoltre volate parole oltre le righe contro il premier Mario Draghi e una parte della piazza ha intonato l'inno nazionale. Non sono mancati duri slogan contro il governo. "Siamo imprenditori e non siamo delinquenti" è stato urlato dai manifestanti attraverso i megafoni in piazza Montecitorio. Nel corso degli scontri è rimasto ferito un poliziotto