Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Meteo, incredibile coda dell'inverno: neve, temporali e crollo delle temperature. Le previsioni

  • a
  • a
  • a

E' quasi da non credere: torna la neve. Sono le previsioni del portale ilmeteo.it ad annunciarlo: l'inverno non è finito ed è prevista una nuova massa di aria gelida in discesa direttamente dal Polo Nord che investirà il nostro Paese a partire dalla giornata di domani, martedì 6 aprile. Ilmeteo.it spiega che sarà "una fase decisamente fredda e movimentata, seppure veloce. Dovremo infatti fare i conti con un vortice ciclonico ricolmo di temporali e, visto il crollo delle temperature, non escludiamo la possibilità di neve fin quasi in pianura, unitamente al rischio di gelate notturne". Gli esperti del portale meteo sottolineano che già nelle ultime ore "stiamo avvertendo marcati segnali di cambiamento con l'arrivo di venti freddi dai quadranti settentrionali. Ma la novità, confermata dall'ultimo aggiornamento odierno, è rappresentata dalla formazione di un veloce ciclone alimentato dall'aria molto fredda e instabile che giungerà fin sul Mediterraneo direttamente da latitudini polari". 

L'abbassamento delle temperature a partire già dalla prossima nottata e dalle prime ore della giornata di domani, martedì 6 aprile, con il rischio di precipitazioni nevose "fino a bassissima quota (circa 2-300 metri, se non più in basso durante i rovesci più intensi) su Triveneto e Romagna. Fiocchi a quote collinari invece su Umbria, Marche e Abruzzo. Successivamente, il peggioramento si estenderà anche in Lazio, Campania, Puglia e Calabria", regioni su cui sono previsti forti temporali. 

Giornata fredda anche mercoledì 7 aprile in particolare su alcune regioni: "Al Nord il sole tornerà a splendere diffusamente. Il maltempo però insisterà maggiormente sulle regioni del Centro Sud (specie sugli Appennini) con rovesci intensi e la neve che potrà scendere ancora a quote di collina. Solo nella seconda parte della settimana il sole tornerà a splendere in maniera più generalizzata, ma attenzione perché le temperature si manterranno piuttosto basse per il periodo, specie durante la notte e al primo mattino sarà ancora piuttosto elevato il rischio di gelate tardive fin sulle pianure settentrionali e sulle zone interne del Centro: in particolare, in città come Torino, Milano, Bologna, Venezia, Firenze e Perugia si potrebbero registrare valori sotto lo zero". E' la conda dell'inverno? Molto probabilmente sì, dalla metà di aprile il meteo dovrebbe migliorare decisamente. (foto dal sito ilmeteo.it).