Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Incendio all'ex Ilva: "Tragedia sfiorata, ma ArcelorMittal pensa alla fiction della Ferilli"

  • a
  • a
  • a

Tragedia sfiorata a Taranto. Un’esplosione e un incendio si sono verificati lunedì 5 aprile intorno alle 7.30 all’ArcelorMittal, in una colata continua dell’acciaieria. Lo ha annunciato il sindacato Usb, spiegando che sono "salvi per miracolo tutti gli operatori presenti sulla linea". "E' stata una tragedia sfiorata" ha scritto Francesco Rizzo dell’Usb in merito all’incendio nel reparto della colata continua 2 di Acciaieria 2 dello stabilimento siderurgico ex Ilva di Taranto.

 

 

"A conferma di quanto sosteniamo da tempo, la condizione di sicurezza impiantistica è fortemente compromessa. Non se ne può più. Il Governo deve intervenire immediatamente, allontanando chi, con una gestione sciagurata e superficiale, si preoccupa di punire chi condivide la messa in onda della Fiction di Sabrina Ferilli  Svegliati amore mio, invece di manutenzionare gli impianti oramai al collasso, mettendo così in grave rischio la salute e sicurezza di operatori e cittadini", ha concluso il sindacalista. Nei giorni scorsi infatti alcuni lavoratori ArcelorMittal hanno pubblicato sul proprio profilo Facebook uno screenshot che invita a vedere la fiction Svegliati amore mio, interpretata su Canale5 appunto da Sabrina Ferilli, e per questo l’azienda ha comminato loro una sanzione disciplinare con immediata sospensione dall’attività lavorativa, interdizione ai luoghi di lavoro e richiesta di giustificazioni entro 5 giorni.

 

 

Il tutto firmato da Arturo Ferrucci, Responsabile delle Risorse Umane nonché delfino di Lucia Morselli nella fabbrica tarantina. Franco Rizzo, coordinatore provinciale Usb Taranto, ha spiegato che "ArcelorMittal accusa i dipendenti di aver messo in cattiva luce la gestione dello stabilimento, anche se nella serie tv non si fa riferimento ad ArcelorMittal e/o comunque i fatti riportati sono relativi a circa dieci anni fa, quindi eventualmente all’epoca della gestione dei Riva. Non è la prima volta - ha aggiunto il sindacalista - che ArcelorMittal tenta di mettere il bavaglio ai lavoratori che, a questo punto, vengono privati anche della possibilità di avere e condividere un’opinione in merito agli effetti acclarati, dell’attività industriale in ambito sanitario e ambientale. Gravissimo il continuo tentativo di alimentare a tutti i costi un clima di terrore all’interno dello stabilimento".