Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Denise Pipitone, pista nomade: ecco come può essere arrivata in Russia. Il video choc

  • a
  • a
  • a

Denise Pipitone è in Russia? E come, nel caso, ci sarebbe arrivata. La pista nomade era stata la prima ad essere battuta, dopo la scomparsa della bimba a Mazara del Vallo, nel Trapanese. Un mese dopo infatti, a Milano, un uomo, una guardia giurata, aveva filmato una bambina in compagnia di una donna nomade. Sembrava davvero la piccola, anche la mamma Piera Maggio l'aveva riconosciuta con certezza. La donna la chiamava "Danas", la bimba rispondeva in italiano, "dove mi porti?". Secondo quanto riporta La Repubblica, forse Denise è passata da Milano, e poi, forse ha preso un treno da Venezia che l'ha portata a Mosca.

 

 

 

Olesya, ha circa 20 anni, sta in Russia e ricerca la mamma dalla quale è stata strappata quando ne aveva meno di cinque. Dalle foto la ragazza somiglia alla mamma di Denise, Piera Maggio.

Olesya Rostova è il nome che le hanno dato 15 anni fa in un orfanotrofio russo e Piera Maggio. Messe a confronto le foto, la mamma di Mazara del Vallo che da 17 anni non ha mai smesso di cercare la sua piccola Denise, scomparsa a 4 anni l'1 settembre 2004 mentre giocava in strada sotto casa, sono davvero identiche. 

 

 

Il confronto delle foto fatto da Chi l'ha visto?  e condotto da Federica Sciarelli su Rai tre (oltre 6 milioni di audience la puntata di mercoledì sera 31 marzo) ha sconvolto anche Piera Maggio che in 17 anni ha imparato a proteggersi dalle centinaia di false segnalazioni e avvistamenti. "Voglio rimanere con i piedi per terra - afferma- con una cauta speranza, ma senza illudermi più di tanto perché in questi anni ho imparato che illudersi non porta a nulla. Abbiamo chiesto l'esame del Dna, l'unico che può fugare ogni dubbio. E intanto ringrazio quanti ci sono vicini, quanti in questi anni non hanno dimenticato Denise". 

"Attendiamo il gruppo sanguigno di Olesya, appena lo avremo lo confronteremo con quello di Denise. Se è compatibile si procederà con il prelievo e l’esame del Dna. Spero entro il weekend di avere le idee più chiare" ha intanto dichiarato  all’Adnkronos Giacomo Frazzitta, il legale di Piera Maggio.