Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, il bollettino del 30 marzo: in Italia altri 529 morti e 16.017 nuovi casi. Tasso di positività al 5,3%

  • a
  • a
  • a

In Italia nelle ultime 24 ore si registrano 16.017 nuovi casi di positività al Covid-19 su 301.451 tamponi. I decessi sono 529. E' quanto emerge dal bollettino sull'emergenza coronavirus di martedì 30 marzo del ministero della salute. Aumentano dunque sia i contagi che i decessi che lunedì 29 marzo erano rispettivamente 12.916 e 417. Il tasso di positività tuttavia è in discesa e si attesa al 5,3% contro l'8,22 % di 24 ore fa. Sono 68 in più i ricoveri nei reparti ordinari in 24 ore. 

I guariti i totale sono 2.889.30 (+18.687).  I casi attualmente positivi sono invece 562.832 (-3.161). Dall’inizio dell’epidemia di coronavirus in Italia i contagi salgono a 3.561.012. Continuano ad aumentare, da circa tre settimane, i ricoveri in terapia intensiva di pazienti Covid: la percentuale di posti letto occupati ha infatti raggiunto il 41% rispetto al 38% della scorsa settimana, ben al di sopra della soglia critica fissata al 30%. Lo rileva l'ultima analisi dell'Agenas (Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali) aggiornata al 29 marzo.

 

 

In Italia al 18 marzo scorso la prevalenza della cosiddetta variante inglese del virus Covid-19 era del 86,7%, con valori oscillanti tra le singole regioni tra il 63,3% e il 100%. Per quella brasiliana la prevalenza era del 4,0% (0%-32,0%), mentre le altre monitorate sono sotto lo 0,5%. La stima viene dalla nuova indagine rapida condotta dall'Iss e dal Ministero della Salute insieme ai laboratori regionali e alla Fondazione Bruno Kessler, che fa seguito a quelle diffuse nelle scorse settimane da cui era emersa una maggior trasmissibilita' per la variante 'inglese' del 37%. La variante lineage P.1 (la cosiddetta variante 'brasiliana') ha mantenuto una prevalenza pari al 4% (nella precedente indagine era pari a 4.3%), ma mentre nell'indagine precedente era stata segnalata in Umbria, Toscana e Lazio, nell'ultima indagine del 18 marzo è segnalata anche in Emilia-Romagna.