Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, ancora 21.267 casi e 460 morti. Il bollettino di oggi

  • a
  • a
  • a

In Italia sono 460 i morti per Covid nel bollettino ufficiale di oggi, mercoledì 24 marzo. Nella giornata di ieri (martedì 23 marzo) erano stati 551. Dall'inizio della pandemia i decessi in Italia sono quindi diventati 106.339. I nuovi positivi, invece, sono 21.267. Più contagi rispetto alle 24 ore precedenti, quando erano stati 18.765. Come sempre la curva continua a salire nei giorni centrali della settimana, ovviamente per un numero maggiore di tamponi processati. Sono 363.767 nei dati di oggi contro i 335.189 del giorno precedente. Il tasso di positività è del 5.8% mentre il giorno prima era stato del 5.6%, l'aumento quindi è particolarmente lieve, appena dello 0.2%.

Ancora 20.132 guarigioni, che portano il numero complessivo a 2 milioni 773.215, ma considerati tamponi e decessi, gli attualmente positivi tornano di nuovo a salire di 564 e quindi arrivano in totale a 561.308. Notizie negative anche dal fronte dei ricoveri. In terapia intensiva nel saldo giornaliero i pazienti sono 42 più di ieri (bilancio tra i 300 nuovi ricoveri, i dimessi e i decessi). In totale 3.588 letti occupati. Nei reparti ordinari le persone ricoverate sono 28.438, 10 in più nelle ultime 24 ore. In Lombardia il numero degli attualmente positivi supera addirittura quota 100mila (100.172), in considerazione di altri 4.282. La seconda regione nuovi positivi è il Piemonte con 2.223. Ma oltre 2mila anche il Veneto (2.042) e la Campania (2.045).

La Lombardia colleziona un altro numero psicologicamente pesante: oltre 30mila decessi (30.085). Un occhio ai vaccinati. Le dosi somministrate sono complessivamente 8 milioni 346.445 (ore 18.15 del 24 marzo) e anche in questo caso il numero assoluto più alto arriva ancora dalla Lombardia dove sono state effettuate un milione 330.676 di somministrazioni. Seguono Lazio 856.145, Emilia Romagna 717.889, Campania 702.467. La percentuale più alta delle dosi inoculate rispetto a quelle consegnate, continua ad essere quella della Valle d'Aosta: 93.6%.