Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, Salmaso: "Restrizioni funzionano, ci attendiamo un calo dei casi" | Video

  • a
  • a
  • a

Le restrizioni delle ultime settimane stanno funzionando e presto potrebbe iniziare a scendere la curva dei contagi. Lo ha detto Stefania Salmaso, epidemiologa dell'associazione italiana di epidemiologia (Aie), ospite, questa mattina 21 marzo, di Agorà su Rai 3. "Che le restrizioni anti-Covid funzionino si vede. Tutte le regioni che per prime le hanno adottate stanno già registrando una calo della diffusione dei casi. A livello nazionale, siamo a un livello di incidenza abbastanza alto, i casi aumentano ma non così velocemente e dalla prossima settimana siamo fiduciosi di vedere una situazione o stazionaria o in leggero declino".

 

 

Salmaso ha proseguito parlando dei dati degli ultimi giorni: "Quello che ancora preoccupa sono i ricoveri in terapia intensiva per effetto dell'onda lunga dei contagi". Si tratta di contagi  avvenuti prima delle restrizioni, mentre per quanto riguarda alle vittime, "abbiamo osservato che il numero dei decessi è regolarmente intorno al 2% del numero dei casi registrati 13 giorni prima. Quindi in qualche modo,nel giro di due settimane, il 'picco' che c'è stato produce molti decessi. Prima la percentuale era vicina al 3%". Commentando i dati di uno studio dello Ieo di Milano che ha stabilito che non c’è correlazione tra l'aumento dei contagi e l'apertura della scuola, Salmaso ha spiegato che "i dati attuali non sono buoni. Anche lo studio fa delle correlazioni sui grandi numeri ma non ci dice niente delle infezioni che si possono verificare nella scuola". "Con questo non voglio dire che la scuola sia pericolosa, anche io sono convinta che dovrebbe essere l'ultima a chiudere. Purtroppo - sottolineato - in un anno di pandemia non siamo stati in grado di avere un sistema di sorveglianza delle infezioni nella scuola".

 

 

Intanto sono stati forniti gli ultimi dati sulla campagna di vaccinazione. Sono 8.029.789 le dosi di vaccino contro il Covid-19 somministrate in Italia, l'83,8% del totale di quelle consegnate: 9.577.500 (nel dettaglio 6.610.500 Pfizer/BioNTech, 493.000 Moderna e 2.474.000 AstraZeneca). La somministrazione ha riguardato 4.845.590 donne e 3.184.199 uomini. Le persone che hanno ricevuto entrambe le dosi sono 2.552.563. E' quanto si legge nel report online del commissario straordinario per l'emergenza sanitaria aggiornato alle 06:01 di oggi 23 marzo.