Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Mario Cipollini a processo per lesioni alla ex moglie Sabrina Landucci: lui rigetta le accuse

  • a
  • a
  • a

Mario Cipollini a processo per lesioni alla ex moglie. Il campione di ciclismo ha però negato tutte le circostanze e i reati che gli vengono imputati. Cipollini è stato ascoltato oggi in udienza in tribunale a Lucca dal giudice Felicia Barbieri.

 

Ad accusarlo di lesioni personali e minacce l’ex moglie Sabrina Landucci. Cipollini ha rigettato ogni accusa, in particolare l’episodio relativo al 2012 secondo cui avrebbe minacciato l’ex moglie puntandole una pistola. Nel processo Cipollini è accusato di minacce anche nei confronti del compagno della donna, l’ex calciatore di Chievo, Siena e Lucchese, Silvio Giusti. Il processo è partito denuncia presentata dalla donna nel gennaio 2017, dopo che Cipollini l'aveva aggredita all’interno della palestra dove la donna lavora. Da quella denuncia la vicenda è arrivata in tribunale, con il rinvio a giudizio dell’ex ciclista.

 

La denuncia è arrivata al culmine dell'ennesima lite, come aveva raccontato lei stessa. Davanti al giudice aveva raccontato nei dettagli una serie episodi avvenuti anche prima della separazione. ''Eravamo nella nostra casa di Monte San Quirico, vicino a Lucca e abbiamo avuto un ennesimo litigio. Mio marito era arrivato a casa all’alba e io avevo sospettato un tradimento. Quando gliel'ho detto lui mi ha picchiata e trascinata in camera. Poi mi ha puntato una pistola carica alla tempia'', aveva detto. Dopo questi furiosi litigi e queste violenze, tuttavia, Mario cipollini sembrava pentirsi e tutto tornava in un clima di apparente normalità. La donna ha infatti raccontato come il marito si metteva a piangere e chiedeva scusa, ma poi tutto tornava come prima. Gli atti persecutori non si sarebbero interrotti neppure dopo la separazione, sempre secondo la testimonianza della donna, e un giorno ci sarebbe stato anche un pericoloso inseguimento in auto. Anni di tensioni e litigi che, secondo lei, solo per caso non sono sfociati in episodi di maggiore violenza, e di cui ora l'ex campione è chiamato a rispondere in tribunale.