Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Benno Neumair, la confessione: "Così ho ucciso mamma e papà"

  • a
  • a
  • a

Benno Neumair ha rivelato agli inquirenti come ha ucciso i genitori, Laura Perselli e Peter Neumair, il 4 gennaio scorsoQuarto Grado, nella trasmissione in onda venerdì 19 marzo su Rete 4, si è occupato del delitto di Bolzano, dei coniugi uccisi dal figlio 30enne e gettati nell'Adige (il corpo di Peter non è stato ancora ritrovato, mentre quello della donna è stato trovato a distanza di giorni).

 

 

Benno Neumair era stato dapprima indagato a piede libero (nei momenti successi alla scomparsa della coppia) e poi è stato arrestato. Nel corso della trasmissione sono stati letti stralci del verbale di confessione con cui Benno ha ricostruito l’omicidio di mamma e papà. Ai magistrati, il ragazzo ha raccontato che, quel pomeriggio del 4 gennaio, aveva discusso con il padre su chi doveva portare fuori il cane della nonna. Peter rimprovera il figlio perché deve aiutare di più in casa.
"Sono andato in camera per non dover più discutere - riferisce la fonte - come spesso accadeva, ho acceso il computer per fare un corso di sicurezza del lavoro, poi ho acceso Netflix. Ero molto stanco e mi sono addormentato".

Il litigio è avvenuto poco dopo che Laura era uscita di casa. La deposizione continua così: "Mio padre è entrato in stanza, mi ha svegliato ed è scoppiata una discussione sui soldi".

 

 

Peter avrebbe detto a Benno di non valere niente e avrebbe preso ad esempio la sorella Madé, già autonoma e indipendente. Benno prosegue: "Mi sono sentito così alle strette, così male, così senza una via d’uscita che pure io mi rifugio in camera e vengo incalzato e anche se voglio stare in pace non riesco a trovare la pace. Io volevo solo il silenzio e non stare più male". Poi ecco come ha ucciso Peter:  "L’ho zittito. Ho preso dalla bacinella di plastica, dove ho gli attrezzi, la prima corda da arrampicata che ho trovato. Eravamo in corridoio, siamo cascati insieme per terra, ma non so se l’ho strozzato da dietro o da davanti. Ricordo solo che ho stretto molto forte. Poi sono rimasto seduto, sdraiato in corridoio". Poi, più tardi è arrivata la mamma. La donna è stata strangolata come è stato evidenziato dall'autopsia.