Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, ancora 23.059 casi e 431 morti. Il bollettino di oggi 17 marzo

  • a
  • a
  • a

Sono 23.059 i positivi al test del Covid-19 in Italia nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute contenuti nel bollettino sull'emergenza coronavirus del 17 marzo, che portano dunque il totale dei casi riscontrati dall'inizio della pandemia a 3.281.810. Ieri, 16 marzo, i tamponi positivi erano stati 20.396. Sono invece 431 i morti in un giorno (ieri erano 502) per un totale dall'inizio dell'emergenza di 103.432. Cresce ancora la pressione sulle strutture ospedaliere con i ricoverati con sintomi che diventano 26.517 (+419 rispetto a ieri) e i pazienti in terapia intensiva che sono 3.317 (+61).  Sono 369.084 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore in Italia, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri i test erano stati 369.379. Il tasso di positività sale al 6,2%, in aumento di 0,7 punti rispetto a ieri quando era stato del 5,5%.

Intanto il parlamento ha dato il via libera alla giornata delle vittime dell'epidemia. La 'Giornata nazionale in memoria delle vittime dell’epidemia di coronavirus' sarà celebrata ogni 18 marzo. A quanto riferisce l'AdnKronos, la Commissione Affari Costituzionali del Senato ha votato a favore del dl che prevede l'istituzione della Giornata. Il testo, proveniente dalla Camera, è stato approvato dalla prima Commissione di Palazzo Madama, che ha come presidente il dem Dario Parrini. Il voto in sede deliberante determina l'approvazione della legge, che non dovrà quindi essere votata dall'Aula.

 

 

Si inizia anche a ragionare di mobilità. La Commissione europea ha presentato il "certificato verde" per poter tornare a viaggiare da questa estate. Anche in Italia si muove qualcosa in questo senso. Dal 20 marzo il sistema dell'Anagrafe vaccinale della Regione Lazio rilascerà al fascicolo sanitario elettronico di ogni assistito che ha effettuato anche il richiamo del vaccino anti Covid l'attestato vaccinale. Il documento sarà dotato di sigillo digitale della Regione Lazio dove saranno riportati i dati anagrafici, la data di prima e seconda somministrazione, il tipo di vaccino somministrato, il codice Aic e il lotto di produzione. L'attestato sarà dotato di un Qr code per verificarne l'autenticità attraverso l'app Salutelazio.