Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, 25.673 casi e altri 373 morti in Italia. Il bollettino di oggi. Tasso di positività al 6,9%

  • a
  • a
  • a

Sono 25.673 i positivi al test del coronavirus in Italia nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute dell'11 marzo. Ieri erano stati 22.409.  I tamponi effettuati sono stati su 372.217 tamponi effettuati. E' quanto emerge dal bollettino del ministero della salute relativo all'emergenza coronavirus. Il tasso di positività sale al 6,9% (era 6,2).. Aumentano i ricoveri: le terapie intensive sono 32 in più (ieri +71), con 266 ingressi del giorno, e sono ora 2.859, mentre i ricoveri ordinari crescono di 365 unità (ieri +489), 23.247 in tutto.

I decessi totali arrivano a 101.184. Il numero dei positivi dall'inizio della pandemia, compresi morti e guariti, sale a 3.149.017. I guariti sono 2.550.483. Le persone in terapia intensiva sono 2.859. La Regione con più casi nelle 24 ore è ancora la Lombardia (+5.849), poiCampania (+2.981), Emilia Romagna (+2.845), Piemonte (+2.322) e Lazio (+1.800). Il totale dei casi sale a 3.149.017. I guariti sono 15.000 (ieri 13.752), per un totale di 2.550.483. Aumenta il numero delle persone attualmente positive, 10.276 (ieri +8.191), 497.350 in tutto. Di questi, 471.244 sono in isolamento domiciliare. I tamponi sono in tutto 43.606.758 - di cui 36.702.922 processati con test molecolare e 6.903.836 con test antigenico rapido -, in aumento di 372.217 rispetto al 10 marzo.

 

 

Intanto per quanto riguarda la campagna vaccinale sono 6.005.183 gli italiani a cui è stata somministrata almeno la prima dose del siero, sono 7.207.990 le dosi consegnate in tutto il Paese, con una percentuale dell’83% di vaccini fatti su quelli consegnati. Sono 1.803.693 gli italiani che hanno già avuto inoculata sia la prima che la seconda dose.  Insomma, nonostante i problemi con le dosi arrivate nel paese sta procedendo la campagna vaccinale avviata all'inizio dell'anno. Con l'approvazione del vaccino monodose Johnson&Johnson da parte dell'agenzia del farmaco europea (Ema) si spera di poter velocizzare.