Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, il vaccino russo Sputnik sarà prodotto in Italia, dieci milioni di dosi entro il 2021

  • a
  • a
  • a

Il vaccino anti Covid russo Sputnik V sarà prodotto anche in Italia. Lo annuncia  la Camera di commercio Italo-Russa in una nota pubblicata sul sito internet che ufficializza la firma del "primo accordo in Europa tra il fondo governativo russo e la società Adienne Pharma&Biotech per la produzione in Italia del vaccino Sputnik V".

"Nelle scorse ore l'amministratore delegato del Russian Direct Investment Fund (Rdif), Kirill Dmitriev, ha confermato di aver raggiunto un accordo con l'azienda Adienne Pharma&Biotech per la produzione dello Sputnik V in Italia, siglando il primo contratto europeo per la produzione locale del vaccino. La partnership permetterà di avviare la produzione già dal mese di luglio 2021", si legge ancora nella nota. Nel comunicato si spiega che "Il processo produttivo innovativo del vaccino russo Sputnik aiuterà a creare nuovi posti di lavoro e permetterà all'Italia di controllare l'intero processo di produzione del preparato. Questo permetterà la produzione di 10 milioni di dosi entro la fine dell'anno".

 

Intanto arrivano notizie incoraggianti sul vaccino Johnson&Jonhson importante per la campagna vaccianale perché ha una sola dose. "Non sappiamo quando sarà approvato il vaccino di Johnson&Johnson anche se siamo ottimisti. Ci aspettiamo l'approvazione in tempi rapidi e poi manterremo l'accordo con la Ue per la distribuzione in Europa. Prevediamo di distribuirne una buona quantità nel secondo trimestre e nel terzo speriamo di poter fare una grande distribuzione". Lo ha detto il presidente di Farmindustria, Massimo Scaccabarozzi, durante la trasmissione Agora', su Rai 3, ricordando che del candidato vaccino della multinazionale statunitense "ne sono state prenotate 200 milioni di dosi e all'Italia spetterebbe il 13,5% delle forniture acquistate dall'Ue".

Insomma l'Italia sta cercando di mettere in campo in questa lotta più armi possibili, intese come vaccini diversi, per cercare di frenare e fermare l'ondata di contagi del Covid-19 e delle sue più pericolose varianti.