Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, lockdown nel week end e negozi chiusi. Il Dpcm Draghi verso la modifica, riunione con il Cts

  • a
  • a
  • a

Il Dpcm Draghi entrato in vigore il 6 marzo potrebbe essere modificato a breve. Stando a quanto riporta il Corriere della Sera il governo ha convocato una riunione d'urgenza con il comitato tecnico scientifico (Cts) alle 9 del 9 marzo. Lo scopo è quello di avere un parere sulle misure restrittive da adottare per fermare il virus e le sue varianti.
Tra i nuovi provvedimenti, che potrebbero entrare in vigore nel fine settimana, c'è il lockdown generale nei week ed per evitare gli assembramenti legati alle gite. Inoltre la chiusura potrebbe scattare anche i quelle zone dove i contagi settimanali sono superiori ai 250 ogni 100 mila abitati. Lo stesso parametro utilizzato pr la chiusura delle scuole.

 

L'ultimo bollettino dell'8 marzo ha rilevato un tasso di positività del 7,5%. Il virus non si ferma dunque il governo si è convinto a dare una nuova stretta. So sta valutando anche la possibilità di nuovi divieti nelle zone - anche  fascia gialla e arancione - dove i presidenti di Regione hanno deciso di chiudere le scuole. C'è anche l'ipotesi, in queste aree, di chiudere i negozi per evitare che i ragazzi, una volta finite le lezioni a distanza del mattino, poi escano affollando i centri commerciali.

 

Allo studio, secondo il servizio del Corriere della Sera, anche un rafforzamento delle misure nel zone rosse, soprattutto per quanto riguarda gli spostamenti. L'idea è quella di adottare il "modello Codogno" sperimentato nella primissima fase della pandemia: si potrà uscire di casa solo "per comprovate esigenze" e resteranno aperte solo le attività essenziali con l'ampliamento della zona interdetta anche ai comuni limitrofi. Sul lockdown nei week end ci dovrà essere una decisione politica. La misura prevede la chiusura di bar e ristoranti, anche nella fascia gialla, che adesso chiudono alle 18. Se ci sarà il via libera alla nuova stretta il sabato e la domenica saranno consentiti soltanto l’asporto e la consegna a domicilio di cibi e bevande.