Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Ilenia Fabbri, il marito accusato di aver ingaggiato il sicario: "Doveva farle solo paura"

  • a
  • a
  • a

Il sicario ha confessato, mentre l'ex marito cerca di ridimensionare le accuse che gli vengono mosse. Svolta nelle indagini per l'omicidio di Ilenia Fabbri avvenuto a Faenza il 6 febbraio. Nella giornata di oggi, 8 marzo, si sono svolti gli interrogatorio di garanzia per Pierluigi Barbieri, 53 anni detto "lo Zingaro", e Claudio Nanni, 54 anni, ex marito della vittima. I due sono in carcere accusati rispettivamente di essere l'autore materiale dell'omicidio e il mandante.

"Lo Zingaro" ha confessato di aver ucciso la donna su commissione dell'ex marito. Il tutto in cambio di 20 mila euro e un'automobile. Il sicario ha precisato che il compito che gli era stato assegnato era quello di strangolare o buttare giù dalle scale la donna. Tuttavia Ilenia Fabbri avrebbe opposto resistenza e dunque lui l'ha inseguita e sgozzata con un coltello. Diversa la versione che ha fornito invece l'altro indagato, l'ex marito Claudio Nanni. Anche l'uomo ha risposto alle domande del pm e del gip, ma ha raccontato una storia in buona parte diversa. Secondo quanto riferisce Repubblica.it l'uomo ha ammesso di aver ingaggiato Pierluigi Barbieri ma non per uccidere l'ex moglie ma solo per metterle paura. Tra gli ex coniugi infatti non correva buon sangue e l'ex marito ce l'aveva con la donna per le continue richieste di denaro e per le rivendicazioni circa il suo lavoro nell'officina dell'uomo.

 

Nell'ordinanza che ha spedito in carcere i due qualche giorno fa il gip descrive Barbieri come "soggetto disponibile a partecipare a spedizioni punitive, in spregio a qualunque rischio. Capace di ogni condotta violenta per conseguire un compenso, un picchiatore su commissione". A lui, secondo l'ipotesi investigativa si sarebbe rivolto l'ex marito della donna per regolare i conti con l'ex consorte. Secondo gli investigatori si sarebbe costruito anche un alibi sfruttando la figlia Arianna. La mattina del delitto i due erano in viaggio verso Bologna per andare ad acquistare un'auto.