Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, 20.765 nuovi casi in Italia e altri 207 morti: il bollettino di oggi

  • a
  • a
  • a

Arriva il bollettino di oggi, domenica 7 marzo 2021, sul fronte Covid. E' ancora alto il numero dei nuovi casi di coronavirus registrati in Italia nelle ultime 24 ore con +20.765 contagi per un totale che sale a 3.067.486 da inizio pandemia. È quanto emerge dal bollettino del ministero della Salute. Ancora preoccupante il dato dei decessi Covid con altre 207 vittime, numero che porta a 99.785 i morti per Sars-CoV-2 nel nostro Paese.

 

 

I casi di Coronavirus in Italia ieri erano stati 23.641.  Oggi sono stati 271.336 tamponi effettuati su un totale di 42.342.845 da inizio emergenza. È quanto si legge nel bollettino del Ministero della Salute - Istituto Superiore di Sanità di oggi.  Con quelli di oggi diventano 3.067.486 i casi totali di Covid in Italia. con il  tasso di positivà che sale al 7,6%. Attualmente i positivi sono 472.862 (+7.050), 449.113 le persone in isolamento domiciliare. I ricoverati in ospedale con sintomi sono 21.144 di cui 2.605 in terapia intensiva. I dimessi/guariti sono 2.494.839 con un incremento di 13.467 unità nelle ultime 24 ore. La regione con il maggior numero di nuovi casi nelle ultime 24 ore è la Lombardia (4.397), seguita dall’Emilia-Romagna (3.056), Campania (2.560), Piemonte (1.543) e Lazio (1.399)

 

 

Frattanto oggi di sè dibbatuto molto, anche in tv, sul vaccino Sputnik. "È molto importante che Russia e Europa possano collaborare per salvare la gente: abbiamo proposto i nostri dati alle autorità e ci aspettiamo che vengano a visitare la Russia: sono loro a determinare la tempistica" per l’arrivo del vaccino Sputnik. Lo ha affermato l’amministratore delegato del Fondo Sovrano Russo Kirill **Dmitriev** intervistato da ’Mezz’ora in più’ con Lucia Annunziata su Raitre. "Speriamo che il vaccino venga approvato il prima possibile in Europa, Italia e altre nazioni, del resto ha già raggiunto tanti paesi tra cui San Marino" ha sottolineato riferendosi alle agenzie per la valutazione dei farmaci come l’Ema.