Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, in Italia ancora 339 morti e 22.865 contagi: il bollettino di oggi

  • a
  • a
  • a

Ancora 22.865 nuovi contagi e 339 morti. Sono i dati principali del bollettino di oggi, giovedì 4 marzo, della pandemia da Covid 19, ufficializzati dal ministero della Salute. Nella giornata di mercoledì 3 marzo su 358.884 tamponi i positivi erano stati 20.884 (con un tasso di positività del 5.8%) e i decessi 347. Stavolta gli esami analizzati sono stati complessivamente 339.635 e il tasso di positività è salito al 6.7%. Dall'inizio della pandemia i contagiati ufficiali in Italia sono ormai quasi 3 milioni, per l'esattezza 2 milioni 999.119. I guariti nel bollettino di oggi 13.488 che portano il totale a 2 milioni 453.706. Quindi inevitabilmente aumentano gli attualmente positivi: altri 9.018 per un totale di 446.439.

Una situazione dunque estremamente complessa, visto che i numeri sono ancora una volta in aumento, a partire da quello della percentuale degli esami positivi che crescono di quasi un punto. Un segnale che gli esperti considerano molto preoccupante. Dal punto di vista dei ricoveri, attualmente sono 2.475 i pazienti in terapia intensiva. L'aumento del saldo quotidiano tra ingressi, uscite e decessi, è di 64 unità, quindi un numero maggiore di posti letto occupati. Gli ingressi giornalieri in rianimazione sono stati ben 232. Nei reparti ordinari i ricoverati sono invece 20.157, anche in questo caso un aumento rispetto alla giornata di mercoledì 4 marzo, quando il saldo era stato di 394 unità.

Diamo uno sguardo alla situazione nelle varie regioni. Ancora una volta la situazione peggiore in Lombardia dove i nuovi contagi sono stati 5.174, portando gli attualmente positivi a 72.394. Ma sono state diverse le regioni che hanno superato quota mille in un giorno: 2.780 la Campania, 2.545 l'Emilia Romagna, 2.167 il Piemonte, 1.702 il Lazio, 1.487 il Veneto, 1.438 la Puglia, 1.232 la Toscana. Alle ore 17.30 i vaccinati risultano 4.841.993. Sono 1.517 .624 gli italiani a cui è stata già somministrata la seconda dose.