Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, non solo Umbria: arancione rafforzato anche per molti comuni della Lombardia. Ecco quali

  • a
  • a
  • a

Non solo l'Umbria e la provincia di Brescia in "arancione rafforzato". Anche in Lombardia le varianti si diffondono ad un ritmo elevato e scattano le ordinanze per altri comuni che passeranno dalla giornata di mercoledì 3 marzo proprio in "zona arancione rafforzato". Le restrizioni dureranno una settimana, nella speranza che la diffusione del Covid rallenti in maniera notevole. Sono numerosi i comuni lombardi coinvolti, compreso quello di Como e l'intera provincia. Se ne aggiungono inoltre molti della provincia di Pavia, del Mantovano, Cremona e municipi dell'hinterland di Milano. Il presidente della Regione Lombardia firma tre ordinanze che disegnano le nuove zone. I comuni di Viggiù, Mede e Bollate, invece, passeranno dalla zona rosa all'arancione rafforzato e quindi vedranno un leggero miglioramento delle restrizioni. L'impennata dei contagi che è stata registrata in alcuni territori della Lombardia è dovuta alla diffusione della variante inglese

I provvedimenti del governatore Fontana riguardano i seguenti comuni. Provincia di Milano: Motta, Visconti, Besate, Binasco, Truccazzano, Melzo, Liscate, Pozzuolo Martesana, Vignate, Rodano, Casarile. Provincia di Mantova: Viadana, Pomponesco, Gazzuolo, Commessaggio, Dosolo, Suzzara, Gonzaga, Pegognaga, Moglia, Quistello, San Giacomo delle Segnate, San Benedetto Po, Asola, Castelgoffredo, Casaloldo, Medole, Casalmoro, Castiglione delle Stiviere. Provincia di Cremona: il capoluogo, Spinadesco, Castelverde, Pozzaglio ed Uniti, Corte dei Frati, Corte de’ Cortesi con Cignone, Spineda, Bordolano, Soncino e Olmeneta.

Provincia di Pavia: Casorate Primo, Trovo, Trivolzio, Rognano, Giussago, Zeccone, Siziano, Battuda, Bereguardo, Borgarello, Zerbolò, Vidigulfo. Confermate le restrizioni per un'altra settimana anche per i comuni di Bergamo: Sarnico, Gandosso, Viadanica, Predore, Adrara San Martino, Villongo, Castelli di Calepio, Credaro.