Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Alberto Genovese, interrogatorio di garanzia per l'accusa del presunto stupro a Ibiza

  • a
  • a
  • a

L'interrogatorio di garanzia di Alberto Genovese è andato avanti circa due ore. L'imprenditore, arrestato con l'accusa di aver drogato e stuprato una ragazza di appena diciotto anni dopo un festino nel suo attico di lusso di Milano, nella giornata ha ricevuto una seconda ordinanza di custodia cautelare. Stavolta i presunti abusi riguardano la modella di 23 anni che lo ha denunciato per i fatti avvenuti a Ibiza il 10 luglio a Villa Lolita. L'interrogatorio davanti al gip milanese Tommaso Perna, ha riguardato proprio questo nuovo caso oltre alla cessione di droga.

Alla presenza del pm Rosaria Stagnaro, l'interrogatorio si è svolto in videoconferenza. Genovese è quindi rimasto a San Vittore e i magistrati nei loro uffici. Respinta, invece, la richiesta di arresto dei pm per ulteriori sette episodi. Il presunto tentato abuso nei confronti della ragazza di 23 anni e i sei casi delle presunte violenze sulle due giovani che nel frattempo hanno rinunciato all'anonimato e hanno voluto raccontare le loro storie anche davanti alle telecamere delle trasmissioni televisive. La vicenda di Ibiza è stata più volte raccontata in tv.

C'erano diverse persone quel giorno nella Villa e hanno visto uscire la giovane dalla stanza dove era con Genovese e con la sua fidanzata, in condizioni fisiche e psichiche particolarmente critiche. L'accusa è che sarebbe stata resa incosciente e avrebbe poi subito pesanti abusi, anche da parte della compagna di Genovese che è indagata ma che ha già negato. Insomma sarebbe accaduta la stessa cosa che si è verificata dopo la festa a Terrazza Sentomento con la diciottenne e che è costata l'arresto dell'imprenditore, ma stavolta sarebbe stata presente anche la sua fidanzata. Genovese si è sempre difeso spiegando di essere condizionato dalla dipendenza dalla cocaina, ma ha sostenuto anche che con la diciottenne c'era un accordo economico per le sue prestazioni sessuali. Mentre il caso continua a compiere il percorso giudiziario, resta al centro dell'attenzione dei programmi televisivi e delle relative ed inevitabili polemiche.