Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Uccisi in Congo: i funerali di Stato di Luca Attanasio e Vittorio Iacovacci | Video

  • a
  • a
  • a

Si sono svolti nella basilica di Santa Maria degli Angeli a Roma i funerali di Stato dell'ambasciatore italiano in Congo, Luca Attanasio e del carabiniere Vittorio Iacovacci. Presenti il premier Mario Draghi, la sindaca di Roma Virginia Raggi, i presidenti di Camera e Senato Roberto Fico e Maria Elisabetta Casellati e vari ministri fra cui il titolare della Farnesina, Luigi Di Maio e della Difesa, Lorenzo Guerini.

 "Luca, Vittorio e Mustapha sono stati strappati da questo mondo dagli artigli di una violenza stupida e feroce che porterà solo dolore. Dal male viene solo altro male". Lo dice il cardinale vicario di Roma Angelo De Donatis nel corso dell'omelia. "La violenza sta tornando di moda in ogni ambiente e a ogni latitudine, non solo nel nordest del Congo. Occorre smascherare il germe dell'indifferenza violenta che è nei cuori e dire: è un problema mio - ha aggiunto - questi nostri fratelli hanno deciso di compromettersi con l'esistenza degli altri anche a costo della loro vita. Oggi piangere è doveroso". "Occorre smascherare il germe dell'indifferenza violenta che è nei cuori - ha ripreso il cardinale - e dire: è un problema mio. Questi nostri fratelli hanno deciso di compromettersi con l'esistenza degli altri anche a costo della loro vita. In questi giorni sentiamo l'angoscia di tre famiglie, quelle di Luca e Vittorio e quella del loro autista Mustafa Milambo,  e dell'intera famiglia delle nazioni. Angoscia perché manca la pace tanto desiderata, angoscia perché le promesse di giustizia sono state disattese".

Il personale diplomatico del ministero degli Esteri ha voluto onorare il collega e amico Luca Attanasio e il carabiniere Vittorio Iacovacci uccisi in un agguato in Congo. All'ora d'inizio dei funerali di Stato i diplomatici, che non hanno potuto partecipare alla funzione nella Basilica di Santa Maria degli Angeli e dei Martiri a Roma per il contingentamento causato dal Covid, sono scesi nel piazzale antistante la Farnesina e si sono raccolti in silenzio. Distanziati e con la mascherina, hanno preso parte numerosi all'iniziativa.