Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Bolzano, coniugi uccisi: la verità di Benno Neumair. La conferma: romperà il silenzio

  • a
  • a
  • a

Benno Neumair parla, ci sono le conferme. L'indiscrezione riportata dal quotidiano Alto Adige, ha avuto riscontri. La Procura ha infatti confermato che Benno Neumair, 30 anni, in carcere con l'accusa di aver ammazzato e occultato i cadaveri dei genitori, romperà il silenzio. Benno si è sempre detto innocente e dal giorno in cui è finito in carcere in custodia cautelare, l’indagato ha sempre preferito tacere. Ora i suoi legali, gli avvocati Flavio Moccia e Angelo Polo, avrebbero ufficializzato con i magistrati inquirenti un cambio di strategia processuale. Benno, secondo il quotidiano, intende raccontare la sua verità agli inquirenti.

 

 

La fonte riferisce anche che la Procura ritiene di avere in mano le prove della responsabilità pesantissima di Benno anche in assenza del cadavere di Peter Neumair che anche ieri non è stato ripescato nell’Adige. E' stato invece ritrovato il corpo della madre di Benno, Laura Perselli. L'autopsia sul corpo ha rivelato che la donna sarebbe stata stata strangolata e poi gettata nel fiume. Gli inquirenti ipotizzano la stessa fine per Peter, ma il corpo non si trova. I due sarebbero stati uccisi a distanza di quattro ore.

Le ricerche del corpo di Peter nell'Adige comunque non si fermano e sono ripartite già questa mattina, giovedì 25 febbraio.  Il lavoro dei carabinieri subacquei è infatti destinato a proseguire ancora per almeno quattro o cinque giorni. 

 

Il lavoro non è semplice ma gli uomini specializzati dell’Arma provenienti da Genova sono moderatamente ottimisti. "Se effettivamente è stato gettato nell’Adige prima o poi lo troviamo" hanno ripetuto anche ieri. Del caso ieri sera si è ancora occupato il programma di Rai3 Chi l'ha visto? che si è soffermato con un servizio soprattutto sui vestiti ("non è strano che ha lasciato tutta questa roba?", ci si domanda nel servizio elencando gli indumenti) che la sera del 4 gennaio, giorno della scomparsa della coppia, il giovane ha portato a casa di una amica con la quale ha trascorso la notte e che ha lavato gli indumenti consegnandoli poi agli inquirenti.