Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Antonio Catricalà, ex sottosegretario morto suicida nella sua casa di Roma

  • a
  • a
  • a

Antonio Catricalà è morto suicida nella sua abitazione di Roma. L'ex sottosegretario alla presidenza del consiglio (prima con il terzo governo Berlusconi, poi con Mario Monti premier) ed ex garante dell’Antitrust, è stato trovato sul balcone del suo appartamento in via Antonio Bertoloni, nel quartiere Parioli. Sul posto la polizia e gli agenti della scientifica impegnati nei rilievi per ricostruire l’esatta dinamica dell’accaduto. Secondo una prima ricostruzione, si sarebbe sparato un colpo di pistola. Catricalà aveva 69 anni, compiuti lo scorso 7 febbraio.

 

Nella sua lunga carriera ha ricoperto anche l'incarico di vice ministro allo sviluppo economico (nel maggio 2013, con Enrico Letta presidente del coniglio) ed è stato anche presidente dell'Organismo per la gestione degli Elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi e presidente di Aeroporti di Roma Spa dal 20 aprile 2017. 
Immediate le reazioni del mondo politico. Il primo a parlare è stato il ministro per la pubblica amministrazione, Renato Brunetta. "Grande amico, grande servitore dello Stato, Antonio Catricalà lascia un incolmabile vuoto in tutti quelli che lo hanno conosciuto e hanno avuto l’onore e il privilegio di lavorare con lui. È un dolore fortissimo", ha commentato addolorato il ministro di Forza Italia. "E' una notizia raggelante", ha commentato la deputata Deborah Bergamini. "Conoscevo Antonio da molti anni, ho sempre apprezzato le sue doti straordinarie, la sua intelligenza, il suo equilibrio, la sua sensibilità. Era una persona davvero eccezionale".

 


Lavori fermi anche in Senato, per un minuto di silenzio disposto dalla presidente Casellati. "Ho appreso in questo istante che purtroppo è mancato Antonio Catricalà che ha rivestito ruoli istituzionali molto importanti come avvocato, magistrato del Consiglio di Stato, dirigente e anche politico italiano. Vorrei osservare per lui un minuto di silenzio". Così la presidente del Senato, Elisabetta Casellati. "A nome mio personale e di tutta l’assemblea va il cordoglio e la vicinanza alla famiglia. Purtroppo non è una bellissima giornata questa", ha aggiunto Casellati dopo il lungo applauso dell’aula.