Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Bolzano, coniugi uccisi: dai vestiti di Benno si cercano altre prove della premeditazione

  • a
  • a
  • a

Coniugi uccisi a Bolzano. Il corpo di Peter Neumair non è stato ancora trovato. Dopo tre giorni di ricerche nell'Adige da parte dei sub specializzati dei carabinieri, nessuna traccia del cadavere.

Da quando questa brutta storia è nata, il 4 gennaio scorso, di certo c'è che la moglie di Peter, Laura Perselli, è stata uccisa e gettata nell'Adige dove il corpo è stato ritrovato e il figlio Benno Neumair, 30 anni, è in carcere accusato di duplice omicidio e occultamento di cadavere. Gli inquirenti ritengono che anche il corpo di Peter sia nel fiume. Benno, che si dichiara innnocente, avrebbe ucciso i genitori in tempi diversi. L'accusa cerca prove della premeditazione.

 

 

Il quotidiano l'Altoadige che segue passo passo la vicenda, riporta che Martina, la commessa quarantenne iscritta sul registro degli indagati con l’ipotesi di accusa di favoreggiamento, sarà sicuramente risentita dalla Procura della Repubblica subito l’esito degli esami di laboratorio sui vestiti di Benno Neumair che la donna ha consegnato ai carabinieri in ritardo, dopo aver lavato gli indumenti. 

 

 

La donna - riporta la fonte - dovrà anche spiegare agli inquirenti perché non abbia ritenuto alquanto strano che il giovane, con cui aveva programmato di trascorrere la notte, si fosse presentato a casa sua (in notevole ritardo) con diversi indumenti da mettere in lavatrice. Saranno decisivi i responsi dalle analisi di Parma. A proposito di questo, un passo senza dubbio decisivo, sono iniziate le fasi peritali sui reperti di sangue rilevati sul ponte dal quale, secondo l’accusa, sarebbero stati gettati nell’Adige i corpi di Laura Perselli e Peter Neumair. I tempi sono i seguenti: i primi risultati saranno consegnati agli inquirenti e alla giudice Carla Scheidle l’8 aprile prossimo. Il 30 marzo precedente saranno resi noti i risultati delle verifiche informatiche su computer, chiavette Usb e telefonino in uso al presunto omicida.

I sub del Centro carabinieri sommozzatori di Genova Voltri continuano intanto le operazioni di ricerca sui fondali del fiume dove si ritiene possa esserci il corpo di Peter.