Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Treviso, padre uccide figlio di due anni poi si toglie la vita. Corpi trovati dal nonno

  • a
  • a
  • a

Uccide il figlio di due anni poi si suicida. Protagonista un 43enne che si è tolto la vita ferendosi alla gola con un coltello. Tragedia nel Trevigiano a Castello di Godego in una palazzina poco fuori il centro abitato. A trovare i corpi senza vita del piccolo e del padre è stato il nonno che ha chiamato i carabinieri. Quando sul posto sono arrivati i soccorsi non c'era nulla da fare per entrambi. La madre al momento del fatto era fuori casa.

Sul posto sono giunti i carabinieri e il pm Mara De Donà. Sono in corso gli accertamenti per capire cosa è accaduto. Secondo una primissima ricostruzione l'uomo avrebbe strangolato il figlioletto per poi togliersi la vita con un coltello. Secondo quanto riporta il sito Treviso Today, l'uomo, dipendente di un'azienda a Galliera Veneta, dopo aver soffocato il figlioletto si sia tolto la vita tagliandosi la gola.

 

L'allarme è stato lanciato intorno alle 13 da un'abitazione di piazza Città di Boves, al civico 7. Il nonno non riusciva a entrare in casa e nessuno rispondeva così ha chiamato i carabinieri che sono entrati dopo aver sfondato la porta trovandosi di fronte la macabra scena. Il corpicino inerme del bimbo di 2 anni e poco lontano quello dell'uomo di 43 anni in un lago di sangue. L'uomo, infatti, si è ferito a morte alla gola. Ora i carabinieri e il magistrato stanno tentando di capire le ragioni del tragico gesto. Cosa ma spinto l'uomo a mettere in atto questo piano mortale. Sono stati già ascoltati dei testimoni per capire se c'erano state delle avvisaglie. Al momento della tragedia l'uomo era da solo in casa con il figlio, ma qualcuno potrebbe aver sentito qualcosa, specie nel palazzo, utile a ricostruire la dinamica.