Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Bolzano, coniugi uccisi: carabinieri subacquei cercano il corpo di Peter Neumair nell'Adige

  • a
  • a
  • a

A Bolzano si torna a cercare il corpo di Peter Neumair e in azione nelle acque del fiume Adige ci sono i migliori specialisti d'Italia. Si tratta degli uomini del Centro carabinieri subacquei di Genova Voltri che da oggi lavorano per trovare il cadavere dell'uomo ucciso insieme alla moglie Laura Perselli lo scorso 4 gennaio.

 

 

Un delitto con occultamento dei cadaveri, per i quali è in carcere dal 29 gennaio dopo essere stato indagato a piede libero il figlio della coppia, Benno Neumair che si dichiara innocente. Il corpo della donna è stato ritrovato qualche giorno fa nell'Adige dove si cerca - per ora senza esito - quello del marito che  proprio ieri avrebbe compiuto 64 anni.

Grandi sono le aspettative per questa nuova ricerca del corpo nel fiume ma Altoadige.it riporta le dichiarazioni di Maurizio Gargiulo, luogotenente con incarichi speciali e comandante del Nucleo subacquei. "Non siamo supereroi, siamo personale addestrato in quel tipo di ambienti e faremo tutto ciò che è nelle nostre possibilità per cercare lì, fin dove potremo spingerci.

 

 

Con la speranza di riuscire a trovare il corpo in primis e, poi, a contribuire alla risoluzione di questo caso", ha affermato il militare per poi continuare sottolineando un aspetto umano: "Senza mai perdere di vista gli aspetti umani di questa vicenda perché riconsegnare il corpo ai familiari è l’obbiettivo primario. Quando siamo chiamati a lavorare in situazioni come questa, infatti, per noi c’è anche un notevole impegno emotivo, al di là delle indagini". Questa dei sub dei carabinieri è una delle ultime speranze per trovare il corpo di Peter. Le ricerche nei giorni scorsi hanno visto impegnati centinaia di uomini. Il corpo della moglie ritrovato nel fiume, secondo quanto trapelato dall'autopsia, presenta segni di strangolamento, forse uccisa con una corda stretta al collo.