Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Genova, donna uccisa con trenta coltellate: fermato l'ex compagno, ha confessato

  • a
  • a
  • a

L’ex compagno della donna uccisa nel centro della città di Genova ha confessato: è stato lui ha compiere il delitto. Prima di mezzanotte è stato rintracciato dalle volanti della Polizia e poi in Questura è stato sottoposto all'interrogatorio. Dopo alcune ore, nel cuore della notte, è crollato.

 

 

Aveva cercato di togliersi la vita, ma era stato salvato, l’ex compagno di Clara Ceccarelli, la donna di 70 anni ammazzata nel suo negozio di scarpe, dopo le 19, a Genova. È quanto emerge dalle indagini. Sembra che l’uomo avesse problemi economici. Intanto, da un primo esame sul corpo della donna, è stato accertato che è stata colpita con trenta coltellate. La donna lascia un papà anziano e un figlio di 30 anni. La vittima è stata aggredita nel suo negozio di calzature ed è morta ancora prima dell’arrivo dei soccorsi.

 

 

Le indagini si sono subito concentrate sull’ex compagno, un sessantenne con cui si era lasciata qualche mese fa. Sembra che l’uomo continuasse a perseguitarla dopo che i due si erano lasciati anche a causa del vizio per il gioco è la ricostruzione di LaPresse. Una situazione che avrebbe portato la donna a rompere la relazione ma l’uomo pareva non rassegnarsi. Da quel giorno il presunto omicida avrebbe iniziato a tormentarla tanto che era stato sorpreso urinare davanti alla saracinesca del suo negozio mentre mercoledì sera aveva tentato il suicidio arrampicandosi sulla scala esterna di una scuola. Ma non era la prima volta che l’uomo tentava di uccidersi, una volte dal Ponte Monumentale una volta dal Ponte di Terralba. "Era sempre qui che la infastidiva, aveva perso la testa" dicono i vicini di negozio. L’uomo inizialmente è fuggito completamente insanguinato poi le forze dell'ordine lo ha prima braccato e poi scovato. Ora, fermato, è sotto interrogatorio.