Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coniugi uccisi, "piano di Benno per depistare le ricerche dei cani". Rivelazioni sul giallo di Bolzano

  • a
  • a
  • a

Coniugi Neumair uccisi a Bolzano. Nuovi dettagli sulle accuse al figlio Benno, in carcere per aver ucciso e gettato nel fiume Adige, secondo gli inquirenti, Peter Neumair e Laura Perselli il 4 gennaio scorso quando sono scomparsi.

 

 

Il corpo della donna è stato ritrovato nell'Adige a distanza di giorni, quello di Peter Neumair non è stato ancora ritrovato e viene ricercato nelle stesse acque nella speranza che possa essere restituito.

A questo proposito nelle prossime ore il corpo di Peter verrà ricercato con i migliori sommozzatori italiani dell’Arma dei carabinieri di stanza a Genova per tentare di recuperare anche il cadavere nell'Adige.

L'Adige.it riferisce oggi di tentativi di depistaggio messi in atto da Benno Neumair nelle ore immediatamente successive la scomparsa dei suoi genitori.

L'obiettivo era quello di rendere più problematico possibile il ritrovamento dei cadaveri di papà Peter e mamma Laura sperando nell’azione del fiume Adige

 

In particolare è emerso che il tentativo di indurre in errore gli inquirenti è stato messo in atto mirando alle capacità dei cani di ricerca di fiutare tracce importanti delle vittime. Due giorni dopo la scomparsa di Peter e Laura i carabinieri organizzarono delle ricerche in città e sul Renon (dove la coppia aveva un appartamento) facendo ricorso ai cani molecolari. "Agli istruttori - riferisce la fonte - era parso subito strano che i tre animali utilizzati non fossero stati in grado di indicare una traccia precisa. Partendo dalla «villa dei misteri» in via castel Roncolo 22, uno dei cani prese la strada verso la val Sarentina, un altro verso il centro città, un terzo fece il giro dell’isolato per fare ritorno al punto di partenza. All’epoca non fu trovata una spiegazione precisa a questo tipo di comportamento. Ora dagli atti dell’inchiesta sono emersi altri elementi in grado di sostenere che Benno avrebbe messo a punto un piano di depistaggio che riguardava proprio il probabile utilizzo dei cani.