Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Benno Neumair, il retroscena di Chi l'ha visto?: coltello, minacce e clinica psichiatrica in Germania

  • a
  • a
  • a

Chi l'ha visto?, il programma condotto da Federica Sciarelli su Rai3, ha fatto nuove rivelazioni sui coniugi uccisi a Bolzano. Claudia Aldi, che ha seguito il caso di Peter Neumair e della moglie Laura Perselli scomparsi il 4 gennaio scorso, ha approfondito un episodio della scorsa estate relativo a Benno Neumair, il figlio, ora in carcere con l'accusa di aver ucciso i genitori e di averne occultato i cadaveri. Il giovane in cella (dopo essere stato indagato a piede libero) continua a professarsi innocente.

 

 

Il corpo della madre è stato ritrovato nell'Adige mentre quello del padre viene ancora ricercato nel fiume e per ora a nulla sono valse due imponenti ricerche con abbassamento del livello del livello dell'acqua. Il programma di Rai3 in onda mercoledì 17 febbraio, ha riferito che il 6 luglio scorso, mentre Benno si trovava a Ulm in Germania, sarebbe stato protagonista di un episodio inquietante. Benno Neumair avrebbe infatti  puntato un coltello verso di sé, ferendosi al volto, minacciando poi la ragazza con cui conviveva. La polizia sarebbe intervenuta - come riferisce l'inviata di Chi l'ha visto? - e lo avrebbe condotto in una clinica psichiatrica fino all’arrivo del padre Peter da Bolzano. Sarebbe stato lui a riportare quindi il giovane a casa, a Bolzano, impressionato dalle condizioni fisiche (visibilmente dimagrito) nella quali lo aveva trovato.

 

 

E' emerso anche che Laura Perselli sarebbe stata strangolata, senza avere possibilità di difendersi. Conferme alle indiscrezioni sull'autopsia: la donna non avrebbe opposto resistenza e sarebbe stata strangolata con una corda. Secondo l'accusa il figlio Benno avrebbe prima ammazzato il padre in casa nel pomeriggio del 4 gennaio e poi a distanza di circa quattro ore, al ritorno della madre Laura nell'abitazione, avrebbe ucciso anche lei. I corpi dei due sarebbero stati poi caricati in auto e gettati nel fiume Adige dallo stesso Benno Neumair.