Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Etna, spettacolare eruzione. Boati e lava. Cenere su Catania. Chiuso l'aeroporto

  • a
  • a
  • a

Improvvisa e spettacolare attività vulcanica dell'Etna, in Sicilia. E' in corso da metà pomeriggio una eruzione con una forte attività esplosiva dal cratere di sud-est del vulcano e l'emissione di una alta nube di cenere lavica che si disperde verso sud. Dalla stessa bocca emerge anche lava che ha prodotto un modesto collasso del fianco del cono generando un flusso piroclastico che si è sviluppato lungo la parete occidentale della Valle del Bove. La prima spettacolare esplosione è avvenuta nel pomeriggio, ma poi è cominciata l'eruzione vera e propria con una potenza considerata dai tecnici dell'Osservatorio etneo "dalla potentissima spinta" in grado di produrre una fontana di lava di addirittura circa 50 metri che alimenta il lungo fiume di sostanza incandescente che si dirige dentro la Valle del Bove nel versante orientale del vulcano.

L'attività del vulcano ha costretto l'aeroporto internazionale di Fontanarossa, a Catania, a sospendere la propria operatività per l'emergenza legata alla cenere lavica della spettacolare eruzione. Lo ha deciso l'unità di crisi dello scalo, comunicando che "la colonna di fumo e cenere emessa dal cratere di sud-est è alta oltre un chilometro e il buio non consente di garantire la sicurezza dei voli".

Il vulcanologo dell'Ingv Boris Behncke ha spiegato che "c'è stato un crollo, nella parte sud-est, di un po' di materiale che si è accumulato nel corso degli ultimi giorni di attività. E' stato solo l'inizio di un trabocco lavico che ha innescato questo scivolamento del materiale stesso. Siamo di fronte ad un fenomeno molto impressionante, ma che è superficiale e con piccoli volumi". Sulla città di Catania, inoltre, non sta cadendo soltanto cenere, ma anche piccole pietri di circa un centimetro. La situazione più critica è comunque a Mascalucia, comune di oltre 30 mila abitanti, che è situato nella parte meridionale del vulcano siciliano.