Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Allarme assembramenti in diverse città. A Roma chiusa Fontana di Trevi e diverse piazze

  • a
  • a
  • a

Altra domenica all'insegna degli assembramenti in diverse zone d'Italia purtroppo. La bella giornata e la festa di San Valentino hanno evidentemente favorito le uscite e ovviamente è forte il timore che tutto ciò possa causare una ulteriore diffusione della pandemia da Covid 19. Gli uomini delle forze dell'ordine hanno cercato di far rispettare le restrizioni, cosa non semplice in particolare nelle grandi città. Soltanto a Roma sono almeno quaranta le persone sanzionate e diverse piazze sono state isolate. Chiusa Fontana di Trevi per l'alto numero di persone presenti.

Numerosi i controlli nelle principali strade del commercio, così come nei luoghi tipici della Movida: Rione Monti, Centro Storico, Tridente, Trastevere, pigneto, ponte Milvio e piazza Bologna. Chiusa temporaneamente piazza dell'Immacolata e alcune aree di piazza Bologna: troppe persone. A San Lorenzo, invece, un ragazzo è stato denunciato per oltraggio e minacce a un pubblico ufficiale durante i controlli sul corretto uso della mascherina. Insomma una domenica molto intensa per gli uomini delle forze dell'ordine anche sul lungomare e nei principali luoghi di ritrovo ad Ostia. I controlli sono andati avanti per tutta la giornata e per fortuna l'arrivo delle ore serali ha contribuito a svuotare piazze e strade.

Ma la situazione non è stata così allarmante soltanto a Roma. Assembramenti sono stati registrati anche in particolare in alcune zone dell'Emilia Romagna, della Sardegna e della Liguria dove i ristoranti sono stati aperti nonostante la zona arancione, in particolare nella riviera di Ponente. A Ventimiglia erano presenti numerosi francesi che non potendo celebrare la festa degli innamorati nel loro Paese, hanno scelto di superare il confino e qualcuno è arrivato fino alla città di Sanremo. Il questore di Imperia l'ha definita una sconfitta per tutti, sottolineando che i ristoratori hanno avuto poco più di 24 ore per adeguarsi al passaggio da zona gialla ad arancione.