Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Ilenia Fabbri, l'ex marito disse: "Mando uno a farle la festa"

  • a
  • a
  • a

"Se continua così prima o poi le mando qualcuno a farle la festa". Sono parole che l'ex marito di Ilenia Fabbri, la 46enne trovata sgozzata nella sua abitazione di via Corbara a Faenza (in provincia di Ravenna), in un paio di circostanze avrebbe pronunciato con il suo avvocato civilista, dopo gli incontri con la donna. Secondo quanto ricostruisce l'agenzia Ansa, a riferirlo sarebbe stata una persona che si è presentata spontaneamente in commissariato dopo l'omicidio della donna. Pare che avesse ricevuto la confidenza direttamente dall'ex marito, il 53enne Claudio Nanni che ora è indagato per omicidio volontario pluriaggravato in concorso con una persona ignora.

Parole che sarebbero state pronunciate nel periodo segnato da un contenzioso civilistico tra i coniugi che è poi culminato con l'assegnazione dell'abitazione di via Corbara proprio alla donna. Sempre secondo le ricostruzioni, Ilenia aveva anche promosso una causa di lavoro contro l'ex marito: lamentava il mancato pagamento di compensi per circa 100mila euro, legati al suo impegno nell'impresa di famiglia. Nelle ultime indagini svolte dalla polizia, un nuovo elemento sarebbe l'immagine di una figura scura, captata da una telecamera privata non distante dalla stessa abitazione di via Corbara, tra l'altro in un orario che sarebbe compatibile con quello del delitto. Dunque ulteriori particolari per le indagini coordinate dalla pm Angela Scorza.

Sembra che gli inquirenti considerino sempre più probabile l'ipotesi che sia stata uccisa su commissione. Ma le indagini si stanno muovendo anche in un'altra direzione: l'analisi del dna delle tracce che sono state trovate nell'abitazione e sul corpo della vittima. Le banche dati potrebbero dare un aiuto per individuare il killer. Analisi, inoltre, anche sui tabulati telefonici e sulle telecamere dell'officina di Nanni. Non viene nemmeno escluso che Ilenia si sia difesa ed abbia ferito il suo aggressore prima di essere uccisa con la coltellata alla gola.