Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Meteo, venerdì con la neve poi temperature giù fino a 15 gradi: dove colpirà Burian

  • a
  • a
  • a

Arrivano neve e freddo. L'Italia da venerdì 12 febbraio è sotto l'influsso di Burian, il vento gelido proveniente dagli Urali, In concomitanza con il suo ingresso giungerà anche una perturbazione atlantica che dal Nordovest scenderà verso il Centro-Sud dove l’aria gelida darà vita a un vortico ciclonico ricolmo di neve. Il sito IlMeteo.it segnala che la perturbazione in arrivo venerdì farà nevicare dal mattino fino in pianura sul Piemonte, in Lombardia (Milano, Pavia, Lodi) e in Emilia. Nelle ore pomeridiane il fronte raggiungerà anche il Centro e in tarda serata/nottata pure il Sud. Entro sera nevicate fino in pianura potranno interessare gran parte delle città della Toscana (anche Firenze), dell’Umbria e delle regioni adriatiche.

 

 

Nel contempo l’aria fredda in arrivo dai Balcani si farà sempre più incisiva estendendosi a quasi tutte le regioni. Sabato il Burian spazzerà l’Italia da Nord a Sud provocando un tracollo delle temperature che perderanno anche 15 gradi. Un vortice ciclonico in azione sul basso Mar Tirreno, alimentato dai venti gelidi, creerà le condizioni necessarie per nevicate fin su coste e pianure di Marche, Abruzzo, Molise, Puglia, Campania (fiocchi a Napoli e Salerno) e Basilicata, a 2-300 metri in Calabria e 5-600 metri in Sicilia. Neve anche in Umbria e sul Lazio a quote collinari. Sul resto delle regioni il clima sarà gelido, sferzato da venti taglienti che manterranno le temperature massime prossime allo zero.

 

Domenica, sempre secondo gli esperti, continueranno a soffiare i venti freddi, ma il tempo sarà ampiamente soleggiato al Centro-Nord, mentre al Sud potranno esserci ancora improvvisi fenomeni nevosi fino in pianura. Come detto, le temperature subiranno una sensibile diminuzione su tutte le regioni e andranno sotto la media del periodo di 12-16 gradi circa. Neve quindi, poi il grande freddo in tutte le regioni d'Italia a far seguito alle giornate miti precedenti, inusuali per il periodo.