Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Bolzano, coppia scomparsa. Segni strangolamento sul corpo di Laura Perselli. Riprendono le ricerche di Peter

  • a
  • a
  • a

Ci sarebbero segni di morte da strangolamento nel corpo senza vita di Laura Perselli, la donna scomparsa a Bolzano insieme a al marito Peter Neumair il 4 gennaio. Il cadavere è stato ripescato sabato 6 febbraio nelle acque del fiume Adige. Secondo il medico legale, si legge in un servizio de La Voce di Bolzano (clicca qui). La notizia, si legge nell'articolo, non è stata confermata dalla Procura ma dall'esame sarebbero emersi segni evidenti che lasciano pensare allo strangolamento. Va ricordato che l'ipotesi degli investigatori era proprio questa. Secondo loro ad uccidere Laura Perselli e il marito sarebbe stato il figlio trentenne Benno che si trova in carcere da fine gennaio accusato dell'omicidio. Le prime valutazioni medico legali sembrano confermare questa ipotesi anche se Benno da carcere continua a professarsi innocente. 

Intanto oggi, 9 febbraio, riprendono le ricerche di Peter Neumair nel fiume Adige. Il livello delle acque è stato abbassato la scorsa settimana e nel week end le operazioni erano state interrotte a causa dell'ondata di maltempo che ha colpito la zona di Bolzano. Si riprenderà dalla zona dove è stato ritrovato il corpo di Laura. Le ricerche si sono concentrate lì perché proprio in quell'area sono stati ritrovati nei giorni scorsi gli scarponi di Peter. Le calzature trovate sono compatibili con quelle descritte da Benno.

In ogni caso la difesa potrebbe chiedere un incidente probatorio e dunque il corpo della donna è stato è stato congelato per preservarne i liquidi organici, in attesa dell’esame autoptico, che sarà decisivo. Proprio oggi è attesa la decisione del tribunale del Riesame sulla richiesta di scarcerazione avanzata dagli avvocati di Benno. Il trentenne è scosso dopo aver ricevuto in carcere la notizia del ritrovamento del corpo della madre. "Non sono stato io", ha ripetuto ai suoi legali che hanno avuto il difficile compito di dirgli la verità.