Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Palermo, cantante uccisa a coltellate: il marito confessa il delitto

  • a
  • a
  • a

La svolta subito dopo il ritrovamento del cadavere. Sarebbe stato il marito ad uccidere a coltellate Piera Napoli, 32 anni, cantante neomelodica, trovata morta oggi domenica 7 febbraio 2021 a  Palermo, nel quartiere Cruillas. Il corpo della donna è stato ritrovato nel bagno della sua abitazione in una pozza di sangue. Secondo quanto apprende l’Adnkronos, l’uomo, Salvatore Baglione, 37 anni, ha confessato l’omicidio ai carabinieri della stazione Uditore.

 

 

Secondo quanto riferisce Il Giornale di Sicilia, il marito, Salvatore Baglione, intorno alle 13 di oggi si è presentato alla stazione dei carabinieri di Uditore, dando particolari sull'omicidio della moglie. L'uomo, 37 anni, è stato interrogato da parte del pm Federica Paiola e del capitano Simone Calabrò, comandante della compagnia carabinieri San Lorenzo.

 

Dopo il racconto del marito, il corpo della vittima - sempre secondo quanto riferisce la fonte - è stato trovato dai carabinieri nel bagno della loro abitazione in via Vanvitelli con diverse ferite di arma da taglio. I militari hanno sequestrato un grosso coltello da cucina che sarebbe stato trovato in casa, probabilmente l'arma del delitto. Presente anche il medico legale. La notizia del delitto ha subito destato grande impressione.

Su Facebook Piero Sala, discografico proprietario della Air Music, studio di registrazione nel quale lavorava Piera Napoli, cantante neomelodica uccisa nella sua abitazione a Palermo, ha esternato tutto il suo dolore:  "Sono senza parole e dispiaciuto. Cara amica mia da tanti anni, ragazza per bene, solare e sempre con la voglia di cantare, abbiamo condiviso diversi anni di bella musica. Che la terra ti sia lieve, cara Piera Napoli, riposa in pace".  Una fine atroce i cui dettagli non sono stati ancora resi noti. Si attendono sviluppi comunque già nelle prossime ore per conoscere la dinamica e ciò che ha fatto scattare la furia omicida all'uomo.