Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Giallo di Bolzano, decisione sulla ricerca del corpo di Peter nell'Adige. Trovato il cadavere della moglie

  • a
  • a
  • a

Il giallo di Bolzano è ancora irrisolto, ma qualche elemento in mano degli inquirenti c'è dopo il ritrovamento del corpo di Laura Perselli nell'Adige avvenuto nella giornata di ieri, sabato 6 febbraio.

Si cerca adesso nel fiume il corpo del marito Peter Neumair ma oggi è arrivata una decisione forzata. Sono state infatti stoppate le ricerche. Queste riprenderanno nella giornata di martedì. Le cattive condizioni meteo hanno infatti fatto sospendere forzatamente le operazioni dei vigili del fuoco e delle altre forze impegnate da sabato scorso nella ricerca dei corpi della coppia scomparsa a Bolzano il 4 gennaio scorso. Oltre 200 uomini in campo.

Nella giornata di ieri, come abbiamo anticipato, è stato trovato nell’Adige il corpo di Laura. Nel primo pomeriggio, l’avvocato Polo ha raggiunto Benno, nel carcere di via Dante, e gli ha dato la notizia del ritrovamento del corpo della mamma. Il giovane, che secondo i suoi legali è molto provato, ha accolto la notizia mostrando grande dispiacere. E' quanto riferisce il sito altoadige.it .

 

 

Il corpo è stato avvistato ieri verso le 9.50 in un’ansa del fiume qualche centinaia di metri a nord del ponte di San Floriano, poco distante dall’abitato di Laghetti, nel comune di Egna, ed è stato confermato si tratti di quello della moglie di Peter dalla Procura. “I familiari – questa la sua nota – hanno riconosciuto alcuni effetti personali rinvenuti come appartenenti a Laura Perselli. Nelle prossime ore verrà effettuato l’esame del Dna per avere un riscontro scientifico dell’identità della salma. Per accertare l’esatta causa della morte verrà anche effettuata l’autopsia. Ulteriori informazioni verranno date all’esito dell’esame autoptico”.

La salma è stata trasportata all’ospedale di Bolzano. Alle ricerche, sia in territorio altoatesino che trentino, hanno partecipato centinaia di persone. Le stesse - riferisce la fonte - che nelle scorse settimane Carla Perselli, sorella di Laura, aveva ringraziato attraverso le colonne dell’Alto Adige. 

 

Il figlio della coppia, Benno Neumair, è in carcere con una doppia pesante accusa: duplice omicidio e occultamento di cadavere. Continua a dichiararsi innocente.