Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Bolzano, il corpo di Laura trovato nell'Adige avvistato da un drone. Si cerca il marito Peter Neumair

  • a
  • a
  • a

Mella giornata di oggi, sabato 6 febbraio, è arrivata la svolta nelle indagini sulla scomparsa a Bolzano di Laura Perselli e Peter Neumair.   E' infatti di Laura Perselli, la bolzanina scomparsa il 4 gennaio insieme al marito, il corpo ripescato dall'Adige tra gli abitati di San Floriano e Laghetti, a sud di Bolzano. La notizia - riporta altoadige.it - è stata confermata da fonti vicine alla famiglia Neumair-Perselli.

 

 

I carabinieri hanno recintato l'intera zona e bloccato gli accessi al ponte sull'Adige. I vigili del fuoco hanno quindi intensificato le ricerche in acqua nella zona del ritrovamento del corpo della donna. 

Secondo quanto riferisce l'Adnkronos il corpo presenterebbe ecchimosi ovunque, nessun laccio a costringerla. Per ritrovare il corpo della donna nel fiume Adige questa mattina è stato determinante abbassare il livello dell’acqua del fiume chiudendo gli affluenti. Cauto nel confermare le indiscrezioni secondo le quali si tratterebbe proprio di Laura Perselli, scomparsa insieme al marito Peter Neumair un mese fa, è il legale della famiglia, l’avvocato Carlo Bertacchi che sempre all’Adnkronos dice: "Attendiamo conferme ufficiali dell’identificazione della salma".

 

 

La speranza è adesso quella di poter localizzare anche il corpo del marito Peter Neumair. Il ritrovamento del corpo di Laura è stato reso possibile - come descritto e come era stato annunciato -  grazie all'abbassamento dell'Adige. La società idroelettrica altoatesina Alperia, vista la programmazione della produzione degli impianti in seguito a delle manutenzioni programmate, ha infatti ridotto il deflusso delle dighe di Glorenza, Naturno, Tel e Marlengo, Lana e Brunico, abbassando i livelli del fiume Adige per una trentina di centimetri.

Le ricerche fatte negli ultimi giorni, addirittura nel giardino dell’appartamento della coppia scomparsa in via Castel Roncolo, non avevano dato alcun risultato. Il figlio Benno è in carcere con una doppia pesante accusa: duplice omicidio e occultamento di cadavere.

 Benno Neumair, 30 anni, istruttore di fitness con una forte passione per il culturismo, si è sempre detto innocente della scomparsa dei genitori. Il legale di Benno, Flavio Moccia, sin dall'inizio aveva parlato di "ricostruzione dei fatti del tutto fantasiosa anche perché non ci sono elementi indiziari e che Benno non ha nulla ha da nascondere". Vedremo se questo elemento del ritrovamento del corpo della madre, porterà una schiarita nelle indagini.