Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Faenza, donna uccisa in casa: l'ex marito e la figlia erano in viaggio al momento del delitto. Le ipotesi

  • a
  • a
  • a

Omicidio di Faenza, è stata un’amica della vittima a chiamare la polizia dopo aver sentito rumori sospetti nell’appartamento della 46enne trovata senza vita con una ferita da taglio alla gola questa mattina 6 febbraio, nel Ravennate. La donna, che era ospite a casa della vittima, avrebbe chiamato la figlia della vittima, in viaggio con l’ex marito di lei, che a sua volta avrebbe allertato gli agenti.

 

 

 

A quel punto una volante è giunta sul posto ipotizzando un furto in corso: al loro arrivo, però, i poliziotti hanno trovato la porta dell’appartamento aperta e, nell’area cucina, hanno rinvenuto il cadavere della donna. Gli investigatori, ora, sono al lavoro per ricostruire l’accaduto e l’ora del decesso della 46enne. La figlia e l’ex marito della vittima sarebbero partiti attorno alle 5, quando la donna era ancora viva. Gli inquirenti, inoltre, stanno ascoltando diverse persone in commissariato. Tra le persone informate sui fatti che verranno ascoltate anche la figlia della vittima, l’ex marito, il compagno e l’amica che ha dato l’allarme. Il sospetto è che la donna sia stata uccisa, forse in seguito a un tentativo di furto, ma gli inquirenti non escludono nessuna ipotesi

 Ilenia Fabbri,è questo il nome della vittima. La polizia ha sequestrato un coltello per capire se possa trattarsi dell'arma del delitto. Altri rilievi verranno compiuti sul cellulare della vittima. Al momento sembra che in zona non ci siano telecamere di videosorveglianza.

Secondo quanto ricostruito finora, l'amica ospite nell'appartamento del delitto, ha chiamato l'amica, e figlia della vittima. Ha detto di essere spaventata per via del trambusto, che c'era una persona in casa e che lei si era chiusa in camera.

 

La polizia sta ascoltando varie persone in Commissariato per cercare di ricostruire quanto successo nelle prime ore di questa mattina. Nessuna pista viene esclusa dagli inquirenti che indagano sul delitto.