Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Vaccino, seconda dose per oltre un milione di italiani

  • a
  • a
  • a

Più di un milione di italiani "completamente" vaccinati contro il Covid 19. Per l'esattezza un milione e 24.271 cittadini a cui è stato somministrato anche il richiamo. E' il dato ufficializzato dal ministero della Salute che tiene aggiornata la campagna vaccinale in tempo reale. Complessivamente sono 2 milioni 421.403 le dosi che sono state iniettate.

E' la Lombardia la regione con il numero assoluto più alto: iniettate 404.935 delle 474,870 dosi consegnate, l'85%. Seguono Emilia Romagna (243,668), Piemonte (229,913), Lazio (212,135) e Campania (209.536). Ma a livello percentuale il risultato migliore è quello della Valle d'Aosta: 93.8%. Poi Campania 91.9, Piemonte 91, Umbria 89.9 e Marche 89.7. L'età più "coperta" resta quella compresa tra 50 e 59 anni (637.084 dosi). Gli operatori sanitari e sociosanitari vaccinati sono un milione 691.668. Complessivamente sono state consegnate all'Italia 2 milioni 899.935 dosi. Al momento ne restano disponibili meno di mezzo milione. 

Intanto nel Regno Unito il governo di Boris Johnson vuole garantire la vaccinazione anti Covid a tutte le persone dai 50 anni in su residenti nel Regno Unito già entro gli inizi del mese di maggio. L'obiettivo è quindi quello di completare in anticipo il primo programma di somministrazione. Il ministro della Sanità, Matt Hancock, ha spiegato che che si tratta di "un'ambizione" legata da una premessa: "che tutto continui ad andare bene". Attualmente nel Regno Unito sono stati somministrati quasi 11.5 milioni di dose, già coperto il 90% degli ultra 75enni. La campagna inglese prevede nove categorie prioritarie e una volta completata la somministrazioni a tutti i cittadini che hanno più di cinquanta anni, scatterà l'allargamento alle persone che hanno una età minore. I minorenni, invece, non sono ancora inseriti nei piani vaccinali di alcun Paese occidentale, in attesa d'una sperimentazione più specifica su bambini e ragazzi da parte delle case farmaceutiche produttrici.