Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Lecce, ragazza di 29 anni uccisa: ex fidanzato arrestato a Otranto dopo una notte di ricerche

  • a
  • a
  • a

Fermato dalla polizia a Otranto, in provincia di Lecce, il presunto assassino di Sonia Di Maggio, la 29enne originaria di Rimini uccisa ieri sera a Specchia Gallone, frazione di Minervino di Lecce. La donna è morta per strada dopo aver ricevuto diverse coltellate al collo e alla spalla mentre si trovava insieme al suo attuale fidanzato. Ad ucciderla sarebbe stato l’ex compagno, un uomo di Torre Annunziata: Salvatore Carfora, 39 anni. La polizia l'ha arrestato nei pressi della stazione dopo un'intera notte di ricerche. L'uomo non aveva accettato che la donna avesse troncato la loro relazione per intraprenderne un'altra.

 

 

"Mio figlio mi ha chiamata per dirmi mamma corri, che Sonia sta sanguinando, la stanno accoltellando. Ho chiesto ’ma chi?’. E lui ha detto ’non lo so mamma, il suo ex’, pensavo scherzasse. Poi sono arrivata qui con l’altro mio figlio e l’ho trovata morta" ha raccontato ai cronisti la madre del nuovo fidanzato di Sonia, parlando dell’ex compagno della vittima. La signora ha spiegato che stato proprio il figlio a chiamare "i carabinieri e i soccorsi" e ha raccontato che il figlio era uscito con Sonia perché gli aveva chiesto di andare a fare la spesa. "So che lei gli ha fatto da copertura a mio figlio", ha detto la donna facendo riferimento alla vittima e raccontando che l’ex compagno della 29enne "li aveva minacciati che avrebbe fatto la strage".

 

 

Sempre secondo quanto riferito dalla donna l'assassino li avrebbe sorpresi alle spalle. Poi sarebbe nato un litigio e infine l’uomo avrebbe sferrato alcune coltellate alla 29enne che l’avrebbero raggiunto anche al volto e in parti vitali, colpendola alla gola. La giovane è morta dissanguata: alcuni passanti hanno provato a rianimarla. Al loro arrivo, però, i sanitari del 118 non hanno potuto fare altro che constatarne la morte. L’omicidio è avvenuto lungo via Pascoli, nel centro abitato da poche centinaia di persone, a pochi metri dalla chiesa di San Biagio. Poi nella notte la caccia all'uomo e l'arresto a Otranto dell'ex compagno della ragazza uccisa.